05042020Headline:

Viva il “Grande Fratello” anti-zozzoni

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Antò, cori! Viè ‘n giardino! Viè a vedè li fiori che stanno a nasce! Stammattina so’ sbocciati puro li rododendri! Ha’ da vede le so’ belli!” Estasiata dal panorama che le si presentava davanti, Barbara chiamò il marito con voce appassionata per renderlo partecipe del suo entusiasmo.

“Arivo, arivo – rispose l’uomo – ma prima famme finì de pijà ‘r caffè, che tu te ne sei già ‘ngozzata tre”.

“Guarda Antò, che meravija!” riprese la donna, non appena il marito ebbe messo il naso fuori di casa. “Guarda li gerani, le margherite, le dalie, l’ortenzia, le calle. E guarda li fiori d’arancio quanti ce ne so’. E qui mica stamo ‘n Sicilia…”.

 “Sì, ma ‘r merito de tutto questo ad’è mio!” sentenziò Antonio.

“Ma che stai a dì, Antò!” lo rimproverò subito la moglie. “Er merito, caso mai, sarà de tutti e due, perché parecchie de ‘ste piante ce l’ho messe io…”.

“Ad’è vero – replicò l’uomo – ma ‘r segreto pe’ fa venì li fiori così vispi e rigojosi sta ne la penzata che ho fatto quarche anno fa…”.

“E cioè?” chiese a quel punto Barbara.

“E cioè – aggiunse Antonio – se li fiori so’ così belli dipenne soprattutto dar concime che j’avemo dato. Quello che ormai da ‘n par d’anni se famo da soli, dopo che dar Comune se semo fatti dà la compostiera, dove ce buttamo tutti l’avanzi de casa: l’umido, come dice chi ce capisce de’ ste cose”.

“Beh, questo ad’è vero” ribatté Barbara. “Perché – l’ho letto su ‘na rivista specializzata – er compost pe’ li fiori e le piante ad’è er mejo concime che esiste. Intanto ad’è naturale, e poi te consente de produrre meno monnezza da buttà ner cassonetto…”.

“Certo – riprese Antonio –  così fai risparmià er Comune ne la raccolta de li rifiuti e risparmi puro tu, perché ‘sto concime ad’è bono e soprattutto nun costa gnente…”.

“E penzà – riprese Barbara – che la gente nun capisce che oggi er problema de la monnezza va risorto co’ la collaborazione de tutti. A  comincià dar cittadino, che avrebbe da fa’ la differenziata come se deve e riciclà tutto quello che ad’è possibile. Invece ‘n giro vedo solo tanta ignoranza e inciviltà, Antò. A parecchia gente nun je ne frega gnente de ‘nzozzà l’ambiente, e poi quanno j’ariva da pagà la tassa su li rifiuti se ‘ncazza puro perché ad’è ‘na sorbola…”.

“A proposito – la interruppe Antonio – ho letto che a Viterbo er sindaco Micchelini vorrebbe mette le telecamere vicino a li cassonetti de periferia pe’ pijà li zozzoni cor sorcio ‘n bocca…”.

“Ah sì?”chiosò Barbara. “Sarebbe ‘na cosa meravijosa! Dimme, Antò, dimme, che so’ proprio curiosa de sapé”.

“Da quello che ho letto su li giornali – riprese Antonio – se n’è parlato in una riunione co’ la prefetta. Er sindaco ‘sta ‘ncazzato perché, co’ la gente che butta de tutto ne l’isole de prossimità, er costo der servizzio aumenta e lui ad’è poi costretto a arzà la tariffa e a fa’ ‘ncazzà la gente, che poi se la pija co’ lui”.

“E c’ha detto Micchelini?” chiese ancora Barbara.

“Ha detto – proseguì il marito – che ce so’ situazioni paradossali ingiustificabili”.

“E cioè?” incalzò la donna.

“Presempio – disse ancora Antonio – ce so’ isole de prossimità che servono poche decine de famije, ma da lì tutte le settimane er Comune ha da portà via tonnellate de monnezza. Secondo Micchelini potrebbero esse puro residenti de l’ antri comuni che penzeno bene de disfasse de li propri rifiuti sur territorio der comune de Viterbo”.

“E così a pagà so’ li viterbesi. Puro la monnezza de l’antri…” commentò salomonicamente Barbara.

“Brava” approvò Antonio. “”Ma ner mirino der sindaco c’è puro quarche piccola azzienda, soprattutto quelle de l’edilizia, che magari pe’ nun pagà li costi de smartimento decidono de buttalli indò je fa più commodo. Oppuro lavoratori a nero che, nun potendo conferì li carcinacci in modo regolare, penzeno bene de dà vita a discariche improvvisate”.

“Così però va sempre ‘n quer posto all’ortolano” commentò ancora Barbara.

“Già – riprese Antonio – ma è proprio pe’ fa’ finì ‘sta disgrazzia che Micchelini vorrebbe mette le telecamere vicino a tutte l’isole de prossimità. Così quelle te ripijeno mentre tu fai lo zozzone e ‘r giorno doppo te vengono a cercà li viggili urbani pe’ fatte ‘na bella contravvenzione. C’ha da esse salata parecchio, così la prossima vorta che hai da buttà quarche cosa ce penzi du’ vorte e decidi de fa’ la perzona civile”.

Barbara rimase per un attimo pensierosa. Poi le si illuminò improvvisamente il viso: “Nun basta, Antò. Nun basta. Ad’è troppo poco. Io je farebbe de più”.

“E che faresti?” chiese allora Antonio, incuriosito da quell’affermazione.

 “Co’ le riprese de li zozzoni – disse allora Barbara – ce farebbe un ber ‘Grande fratello’, da fa vedé a tutti in televisione. Come se faceva ner medioevo co’ la gogna”.

“So’ sicuro – concluse Antonio – che sbancherebbe l’Auditelle”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da