30112022Headline:

Immobili, prezzi stabili nella Tuscia

Il secondo semestre 2015 secondo Tecnocasa: a Viterbo prezzi alti ai Cappuccini

Immobili, prezzi stabili nella Tuscia nel secondo semestre 2015

Immobili, prezzi stabili nella Tuscia nel secondo semestre 2015

La crisi economica non scalfisce il mercato immobiliare, o almeno non nella Tuscia. Restano invariati i prezzi di vendita delle case, che tengono duro nonostante il difficile periodo storico. La provincia di Viterbo sembra essere l’unica a sopravvivere alla crisi del mattone, lo stesso non succede nelle altre zone del Lazio, in modo particolare a Latina e Rieti. Sono queste le zone più colpite dalla crisi del mercato immobiliare, con perdite anche pesanti, secondo la fotografia scattata dall’ultimo studio del gruppo Tecnocasa, riferito al secondo semestre del 2015. I prezzi degli immobili sono rimasti invariati nella seconda parte dello scorso anno, mentre sono calati in tutte le altre province del Lazio: -0,1% a Frosinone, – 1,6 a Roma, – 2,3 a Rieti con Latina maglia nera a -4,5%.

Nella Tuscia il primato assoluto del mattone più caro lo conquista sempre il capoluogo, sfiorando i 2500 euro al metro quadro per un’abitazione nuova signorile (zona Cappuccini) e i 2000 in zona via Garbini, arrivando tra i 1300 e 1400 euro per una casa nuova di categoria “economica”. Le costruzioni più recenti, soprattutto della categoria signorile, presentano prezzi più alti spesso per la cura dei dettagli, per i materiali pregiati ed i dispositivi per ottenere energia pulita. Un investimento iniziale, in pratica, che però poi si ritrova nel tempo perché permette di abbattere costi per gas e luce.

Lo studio della Tecnocasa riporta anche i dati dell’usato. Ovviamente i prezzi si abbassano, oscillando tra gli 800 ed i 1300 euro in zone come Cappuccini e via Garbini.

A Viterbo le abitazioni costano di più in zona Cappuccini

A Viterbo le abitazioni costano di più in zona Cappuccini

Escludendo il capoluogo, salgono sul podio dei paesi più cari Civita Castellana, Fabrica di Roma e Orte scalo. Il prezzo al metro quadro, per gli immobili nuovi, va dai 1200/1600 euro di Civita, fino ai 1150/1350 di Orte.  Salta subito all’occhio che le località sono tra le più richieste per la vicinanza a Roma ed alle vie di comunicazione principali, autostrada e ferrovia. Sempre per quanto riguarda gli immobili nuovi, si assestano circa allo stesso livello Tuscania, Bomarzo, Montefiascone, Soriano nel Cimino, Capranica, Sutri e Monterosi.

Il colpo di scena arriva per le case non più nuove. Nonostante la crisi ed i tagli alle vacanze, il mercato degli immobili in località turistiche non perde colpi e tiene il prezzo. Tanto che tra i primi in classifica percosto dell’abitazione al metro quadrato spiccano Tarquinia lido e Marina Velca. Non resta indietro nemmeno il lago di Bolsena, in particolare Capodimonte, che supera addirittura il prezzo di Tarquinia per un immobile usato di categoria economica (intorno ai 155o euro).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da