16082022Headline:

Votare no al referendum? Più inciuci per tutti

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegnoBarbara quella mattina s’era svegliata di traverso. Era scesa, come suo solito, in cucina, avevo acceso la macchinetta del caffè e s’era preparata la sua solita bevanda col latte macchiato freddo. Poi, dopo aver acceso l’immancabile prima sigaretta della giornata, era uscita in giardino ad ammirare i merli che beccavano il pratino, rigoglioso come non mai per via della pioggia caduta negli ultimi giorni, e ad ascoltarne i dolci gorgheggi che uscivano dalle loro ugole. Ma l’umore non era dei migliori, tanto che Antonio se ne accorse subito e non lasciò la cosa cadere nel vuoto.

“A Ba’ – disse – che te succede stammattina? Te sei svejata ariggirata?”.

“No, no, va tutto bene” rispose la donna. “Ma so’ ‘n po’ appanicata perché ieri sera m’ha telefonato Mariolina…”.

“Che j’ad’è successo quarche cosa de brutto?” chiese a quel punto il marito.

“No, no. Però m’ha detto c’ad’è stata dar parucchiere…” fu la risposta di Barbara.

“E allora?” replicò Antonio. “Che ciad’è de strano? Nun me sembra questo ‘r motivo pe’ appanicasse. Dar parucchiere ‘gni tanto ce vai puro tu. E io, puro se spenni ‘n sacco de sordi, mica me metto a fa’ ‘ste giostre. A meno che…”. Antonio si fermò per un attimo a riflettere. Poi riprese: “Ma che per caso j’ha rovinato la capoccia?”.

“No, Antò, no!” sottolineò Barbara. “Solo che s’è fatta tajà li capelli corti, corti. Io c’ho paura che quanno la vedo svengo. Stava così bene co’ li capelli tutti lunghi…”.

“E vabbé – commentò Antonio – ma nun me sembra ‘r caso de facce ‘n dramma. Se vede che s’ad’era stufata de vedesse sempre ‘n quer modo. Che c’aveva voja de cambià, de presentasse in un antro modo. Mica ad’è ‘na traggedia…!”.

“No, nun ad’è ‘na traggedia – aggiunse Barbara – ma io m’ero abbituata a vedella sempre co’ li capelli lunghi che je scennevano fino a le spalle. E adesso…”.

“E adesso ha deciso de cambià” rintuzzo Antonio. “Perché ne la vita se deve da cambià ogni tanto. Cambiano le mode, cambia la società, cambiano l’usi e li costumi de la gente. Panta rei, come diceva quer filosofo greco che nun m’aricordo mai come se chiamava…”.

“Eraclito, Antò. Se chiamava Eraclito…” sentenziò Barbara.

“Vabbé, se chiamava Eraclito  – aggiunse Antonio – ma ‘r monno cambia de continuo, se modernizza, e l’omo j’ha da annà dietro. Sinnò è der gatto…”.

“Ma a me li cambiamenti me fanno sempre ‘n po’ paura…” riprese Barbara.

RiformeCostituzionali-640x360“Eccola ‘n’antra” incalzò Antonio. “Tu sei come quella parte de l’italiani che strilleno, strilleno perché le cose nun vanno bene e poi, quanno ariva quarcheduno che dice cambiamo, allora cominceno a fa’ le baricate. Perché c’hanno paura de perde li privileggi e li posti ar sole. Puro se cambià sarebbe opportuno pe’ costruì quarche cosa de più efficiente e puro de più giusto…”.

“Antò – chiese a quel punto Barbara, che non aveva afferrato il nesso – ma a che te riferisci?”.

“Ah, nu’ l’hai capito?” ribatté Antonio. “Me riferisco, cara Barbara, ar referendum su la Costituzzione, quello che ce sarà a ottobre. Pe’ anni avemo sentito dì che la Costituzzione annava cambiata, che cor bicameralismo perfetto nun se poteva più annà avanti, che le Reggioni hanno fatto troppo come je pare e hanno sprecato ‘na marea de sordi. E mo che quarcheduno c’ha messo le mani, aprete cielo! Tutti a difenne la democrazzia, tutti a mette avanti lo spauracchio der reggime, co’ l’unico scopo de nun cambià gnente ‘n’antra vorta…”.

“E nun pò esse, Antò, che ‘sta riforma ad’è fatta male?” chiese a quel punto Barbara. Che aggiunse: “E poi, cambià la Costituzzione a corpi de maggioranza nun me sembra tanto ‘na cosa ben fatta…”.

“Lo vedi che puro tu c’hai la memoria corta, come – purtroppo – tanti italiani?” replicò subito Antonio. “Perché le cose tocca de ricordassele tutte…”.

“E quali so’, Antò?” chiese ancora Barbara.

“Allora – disse Antonio, mettendosi seduto in salotto – me tocca ripartì da l’inizzio. De riformà la costituzzione se ne parla da trent’anni. Te ricordi la bicamerale de D’Alema? Finì a schifìo perché Berlusconi fece zompà er tavolo. Poi, tante chiacchiere e nessun fatto. Quanno ar governo c’è arivato Renzi c’ha voluto riprovà, anche perché er Presidente Napolitano aveva dato mandato a ‘l’esecutivo – visto che ner 2013 nessuno aveva vinto l’elezzioni – de fa’ ‘na legislatura de larghe intese e de puntà su le riforme. Sinnò toccava riannà a votà. Ma co’ quella legge elettorale er risultato sarebbe stato uguale o quasi…”.

“Questo me lo ricordo, Antò” rispose Barbara. “E poi?”.

camera“E poi sembrava che fossero tutti d’accordo” proseguì l’uomo. “Tutti o quasi. Perché li grillini, come ar solito, decisero de fa’ repubblica a sé. Ma l’antri, co’ Berlusconi in testa, erano tutti convinti de fa insieme le riforme e la legge elettorale. Finché…”.

“Finché?” incalzò Barbara.

“Finché nun s’arivò a l’elezzione der presidente de la repubblica, dopo le dimissioni de Napolitano” sentenziò Antonio. “Lì Berlusconi se sentì preso per culo da Renzi, perché voleva Amato ar posto de Mattarella, e da allora nun gn’è stato più bene gnente. Così le riforme, che erano cominciate tutti insieme e che da tutti insieme erano state scritte, so’ diventate er cavallo de Troia pe ammazzà Renzi. Ma li contenuti de la legge so’ rimasti sempre quelli!”.

“Ma ar referendum – obiettò Barbara – toccherebbe da votà a seconda si te piaciono o no le riforme che so’ state fatte…”.

“Brava. Tu l’ha capito – replicò Antonio – ma la guerra politica è talmente ideologgica che quello che c’è scritto nu’ lo va a guardà nessuno, o quasi”.   

“E che c’è scritto, Antò?” chiese a quel punto la donna.

“C’è scritto – riprese Antonio – che ‘r Senato sarà composto solo da 100 senatori nun pagati e che nun dovrà dà più la fiducia ar Governo. Questo vor dì che se ‘na legge passa a la Camera è fatta, senza a sta’ a fa’ tante giostre, come succede adesso. Che basta che ar Senato cambi un emendamento, e se deve da ricomincià tutto dacapo. E poi, co’ la nova legge elettorale nun ce saranno più inciuci. Perché chi vince c’avrà li numeri pe’ governà, senza dové pe’ forza fa’ alleanze co’ questo o co’ quell’antro. Poi, si governa male, dopo cinqu’anni er popolo lo pò mannà aff…, a quer paese”.

“Beh – riprese Barbara – allora Berlusconi avrebbe da esse contento. Te ricordi quanno diceva che nun poteva governà perché l’alleati Fini e Casini je remaveno contro?”.

“Io me l’aricordo, Ba’ – aggiunse Antonio – ma ‘r problema è che nun se l’aricorda più lui. O mejo: nun je conviene più ricordasselo. Tra l’antro l’omo adesso c’ha antri penzieri, visto che se deve da operà ar core. Mejo faje l’auguri e finilla qui. Però, ricordete: si passa ‘sta riforma, in tanti se troveranno in brache de tela, perché nun potranno più condizzionà er Governo per via de li numeri in Parlamento. Nun ce saranno più l’inciuci e nun ce saranno più li cincischiamenti, perché magari ‘na piccola minoranza se fa rode ‘r culo. Come diceva mi’ nonna: tanti galli a cantà, nun se fece mai giorno…”.

“Ad’è vero – commentò Barbara – che li galli hanno da esse pochi… Però mo basta parlà de politica, che io stasera vojo annà a trovà Mariolina pe’ vedé come sta cor novo lukke. Piuttosto, cambiete quella camicia, che me sembra zozza”.

“Aho, la camicia ad’è pulita e nu’ la cambio perché me piace…” rintuzzò Antonio.

“Lo vedi?” fu la conclusione di Barbara. “Puro tu sei contro li cambiamenti…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da