13042021Headline:

Unioni civili, anche a Viterbo ora si può

Vidimati dalla Prefettura i registri per i matrimoni tra persone dello stesso sesso

Ora anche a Viterbo sarà possibile celebrare le unioni civili

Ora anche a Viterbo sarà possibile celebrare le unioni civili

Anche il Comune di Viterbo può celebrare le unioni civili. La Prefettura infatti ha vidimato i registri per i matrimoni tra persone dello stesso sesso. “Ci sono anche i moduli – dichiara Daniela Segatori, responsabile dei  Servizi Demografici – e alcune coppie hanno già richiesto informazioni per l’iscrizione”. La richiesta va fatta e firmata proprio davanti agli ufficiali di stato civile e poi, dopo circa una settimana (che serve per effettuare i controlli di legge) ci saranno le “pubblicazioni”. Il termine esatto per questa operazione ancora non è stato inventato: per ora si prende in prestito quello dei matrimoni. Si aspettano, poi, i quindici giorni canonici e via con la celebrazione.

L’unione civile darà diritti e doveri alle persone dello stesso sesso: in presenza di due testimoni e davanti all’ufficiale di stato civile, si ufficializzerà la coppia che potrà assumere un cognome comune scegliendo tra i loro cognomi, la parte potrà anteporre o posporre al cognome comune il proprio cognome. Dall’unione deriverà l’obbligo reciproco all’assistenza morale e materiale e alla coabitazione. Entrambe le parti saranno tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni. Il regime ordinario è la comunione dei beni, a meno che le parti pattuiscano una diversa convenzione patrimoniale. Per quanto riguarda pensione, eredità e Tfr, ad oggi, un eventuale figlio di uno dei due partner, sarebbe l’unico beneficiario della pensione di reversibilità (nei casi previsti dalla legge ossia di figlio minore, inabile al lavoro, a carico del genitore o studente), dell’eredità e del Tfr maturato dal genitore. Con la nuova legge la pensione di reversibilità e il Tfr maturato spettano al partner dell’unione. Per la successione valgono le norme in vigore per il matrimoni: al partner superstite va la “legittima”, cioè il 50%, e il restante va agli eventuali figli.

L’ufficio di Stato Civile di Viterbo è aperto martedì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 12, in piazza del Plebiscito 12-16. Per informazioni: 0761.348217 – 0761.348215.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da