25052022Headline:

A Pianoscarano cuore e piatti tipici

Torna la Festa dell'Uva. Palio dei bambini dedicato a Giorgio Mecarini

La partenza dell'edizione 2015 del Palio delle botti

La partenza dell’edizione 2015 del Palio delle botti

Paolo Bracaglia, il presidente del Comitato Festeggiamenti Pianoscarano, Carmine e Salamaro, li aveva chiamati a raccolta con il motto ”aiutateci ad aiutare” ed ancora una volta i viterbesi hanno aperto il loro cuore (e i loro stomaci), non mancando all’appello e rispondendo ”presente” al presidente. Grande successo per le prime due serate di beneficienza della 38. edizione della Festa dell’Uva, la kermesse ricca di eventi e tradizione che fino a domani colorerà le strade di Pianoscarano.

”Sta andando tutto ottimamente – commenta soddisfatto Bracaglia – siamo sulla buona strada per l’obiettivo che ci eravamo prefissati: giovedì, alla prima cena in piazza degli Scotolatori ci sono state 400 persone, a cui sono stati serviti oltre 40 chili di ‘giubba e calzoni’, la zuppa di agnello tipica viterbese”. ”Dobbiamo ringraziare – prosegue – come ogni anno i facchini di Santa Rosa, che non hanno fatto mancare il loro contributo e la loro generosità in queste serate. Ringrazio il presidente del Sodalizio Massimo Mecarini e il capofacchino Sandro Rossi che sono stati con noi giovedì sera, insieme al sindaco Michelini agli altri assessori, oltre al gruppo Harley Davidson e a Cna pensionati”.

”Tra l’altro – continua il presidente – abbiamo avuto il piacere di avere ospiti 55 pellegrini messicani, impegnati nel pellegrinaggio della Via Francigena, che sono arrivati qui grazie a don Agostino Petroselli, storico sacerdote che è stato a Viterbo per trent’anni e adesso è in missione proprio lì in Messico. E’ stato divertente vederli incuriositi dalla ‘giubba e calzoni’, con le nostre signore di Pianoscarano che cercavano di spiegare, in spagnolo, la ricetta di questo piatto tipico della nostra cucina”.

Paolo Bracaglia, tra l'assessore Barelli e Massimo Mecarini

Paolo Bracaglia, tra l’assessore Barelli e Massimo Mecarini

Ieri sera invece altro grande successo di pubblico e di solidarietà, con i piatti  della tradizione viterbese, come la zuppa di funghi e finocchietto selvatico, gli stinchi di maiale di Pianoscarano e i 25 chili di coratella, il tutto accompagnato dalla musica della Roberto Band, apripista dello spettacolo musicale di domani sera di Santino Rocchetti.

E per il gran finale di domani, con il tanto atteso Palio delle Botti, quali saranno le novità di quest’anno? ”Si saprà tutto sabato pomeriggio, non posso anticipare nulla – dice scherzando Bracaglia – posso dire soltanto che quest’anno i palii saranno completamente nuovi, realizzati dal maestro Telari, e a partire da questa edizione il Palio dei bambini – al nono appuntamento, in programma quest’oggi alle 15, 30 a piazza Scotolatori – sarà intitolato a Giorgio Mecarini, il papà di Massimo, personaggio storico pianoscaranese”.

”Sulla sfida, attesissima, delle botti tra Ciorba e il presidente del Sodalizio – conclude Bracaglia -, posso dire solo che Marco si sta allenando molto per questo evento, ma non voglio sbilanciarmi con il pronostico…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da