30062022Headline:

Nuovo plesso scolastico a Castel Sant’Elia

Tra oggi e domani il suono della prima campanella in tutta la Tuscia

Vacanze finite per studenti di ogni ordine e grado e insegnanti. Da oggi si torna sui banchi, anche se alcuni istituti lo faranno domani. Ecco una panoramica della situazione nella Tuscia.

CASTEL S. ELIA

La cerimonia di inaugurazione del nuovo plesso scolastico a Castel S.Elia

La cerimonia di inaugurazione del nuovo plesso scolastico a Castel S.Elia

Il momento tanto atteso è arrivato. Giornata storica per Castel Sant’Elia dove è stato inaugurato il nuovo plesso scolastico in via Caduti di Nassiriya, che fa da scuola per l’infanzia e secondaria di primo grado, punto di arrivo di un percorso iniziato  trent’anni fa. Oggi la nuova scuola è una realtà e Castel Sant’Elia si dota di una struttura moderna e funzionale, che sarà un vanto per il piccolo centro della Tuscia, perché tra le migliori del territorio e questo lancerà un forte segnale di rinascita per lo stesso. Edificio all’avanguardia in termini di sicurezza e dotazioni strutturali, tecnologiche ed educative che è stato realizzato nel rispetto delle più evolute norme in materia di contenimento energetico e bioedilizia e garantisce ottime perfomance in campo sismico. Sei aule belle, ampie e luminose, ambienti accoglienti e colorati, una grande mensa, cinque laboratori,  biblioteca, aule multimediali, tre locali per gli uffici e tre per i servizi igienici,  ampio cortile e rigogliosi spazi esterni,  per una superficie complessiva di circa 710 mq.castel-santelia-4-prefetto

Durante il suo intervento il sindaco Mazzolini ha ripercorso il lungo cammino burocratico ed amministrativo che dal 1989 ha portato oggi alla consegna del plesso all’Istituto Comprensivo A. Stradella.  Ha ricordato  le difficoltà incontrate e la caparbietà dell’attuale amministrazione, i finanziamenti ottenuti dalla Regione Lazio sommati a quelli nazionali del programma “Scuole Sicure” , che hanno consentito l’ultimazione dell’edificio scolastico, con  una spesa complessiva di 835mila euro. All’inaugurazione, oltre al sindaco e alla giunta comunale anche la dirigente dell’istituto comprensivo Patrizia Patrizi. Dal prefetto Rita Piermatti il plauso per il completamento dell’opera, ma anche l’auspicio e il monito affinché non si ripeta la necessità di così tanti anni per la realizzazione di una nuova scuola.

VITERBO

Il sindaco Michelini e l'assessore Delli Iaconi

Il sindaco Michelini e l’assessore Delli Iaconi

Riapertura di alcune scuole del comune di Viterbo, anche se la data ufficiale stabilita dal calendario regionale per l’inizio dell’anno scolastico 2016/2017 è fissata per il 15 settembre. “Si torna sui banchi dopo le vacanze estive – sottolinea Antonio Delli Iaconi, assessore alla pubblica istruzione -. Un ritorno per gran parte degli studenti, ma anche una prima esperienza per chi, quest’anno, si troverà per la prima volta all’interno di un’aula scolastica. La scuola contribuisce fortemente all’eduzione e alla crescita dei nostri bambini e dei nostri ragazzi. Tra i banchi nascono amicizie, alcune delle quali restano per tutta la vita”. “In questi mesi – aggiunge – grazie al lavoro dell’assessore Ricci sono stati portati avanti una serie di interventi e altri seguiranno a breve, per garantire edifici scolastici funzionali e soprattutto sicuri, sia per quanto riguarda la staticità degli stessi e l’adeguamento alle norme anticendio. È molto il tempo che si trascorre a scuola, anche per questo è fondamentale che si lavori in ambienti sani e sicuri”. A pochi giorni dall’apertura delle scuole, il sindaco Leonardo Michelini e l’assessore Delli Iaconi rivolgono gli auguri di buon lavoro a tutti gli alunni, al corpo docente e a tutti coloro che operano all’interno degli ambienti scolastici.

RONCIGLIONE

Il sindaco di Ronciglione Alessandro Giovagnoli

Il sindaco di Ronciglione Alessandro Giovagnoli

Oggi il suono della campanella annuncerà la ripresa delle attività didattiche per gli studenti di Ronciglione e l’Amministrazione comunale augura a tutti un buon inizio anno, in particolar modo a coloro che inizieranno il ciclo primario e secondario ed a chi, invece, affronterà il suo ultimo anno scolastico. “Inizia un viaggio fondamentale, impegnativo ed affascinante nel mondo della conoscenza e della convivenza – sottolinea il sindaco Alessandro Giovagnoli -. Un augurio particolare ed affettuoso va ai più piccoli che per la prima volta si affacciano al mondo della scuola: il giorno di inizio di una nuova avventura è sempre un giorno un po’ speciale. Siamo vicini a tutti gli alunni che si apprestano a vivere un nuovo anno scolastico con entusiasmo e grinta, con il desiderio di apprendere e di vivere intensamente la loro esperienza di studenti. L’anno che vi attende sarà sicuramente impegnativo, ma vi invito ad affrontarlo con entusiasmo e convinzione, certi che studio e cultura siano il miglior investimento per il vostro futuro. Un augurio speciale ai genitori, impegnati nell’educazione dei loro figli. Alle famiglie, a cui è demandato questo delicato compito, rivolgo l’auspicio di una condivisione e di una compartecipazione sempre più fattiva e costruttiva. Ai dirigenti, docenti e a coloro che, con ruoli diversi, operano a supporto del mondo scolastico e che della scuola sono insostituibili assi portanti, va il nostro augurio di buon lavoro: tra non poche difficoltà svolgono con professionalità un compito così difficile, nella convinzione che sia proprio a partire dalla Scuola che è possibile costruire un futuro migliore. A loro rivolgo un saluto e l’augurio di continuare con serenità e serietà l’impegno educativo affidatovi dalla società civile”. “Investire nella scuola e nell’istruzione – conclude il primo cittadino – significa investire sulle intelligenze e sui talenti del nostro territorio, delineare percorsi di arricchimento individuale e collettivo, nonché tracciare la via per l’affermazione professionale di ogni studente.

SAN LORENZO NUOVO

Il sindaco Massimo Bambini

Il sindaco Massimo Bambini

Domani prende il via il nuovo anno scolastico  per gli studenti delle scuole di San Lorenzo Nuovo. “E’ stata una vigilia particolare – sottolinea il sindaco Massimo Bambini -. C’era infatti il rischio, per la scarsità di bambini iscritti, di non poter mantenere la prima elementare nel plesso di San Lorenzo. Ma alla fine sono soddisfatto perché, nonostante le tante cassandre, il rischio è stato scongiurato. La prima elementare, con grande gioia, rimane quindi a San Lorenzo. Per questo ringrazio i genitori dei bambini interessati che sono stati fermi e determinati sin dal principio, la dirigente, professorea Billi per la disponibilità e la collaborazione dimostrata, le insegnanti e tutti i genitori dei bambini delle scuole elementari che hanno compreso la problematica ed accettato senza problemi di ridurre l’impegno scolastico settimanale da 6 a 5 giorni, come peraltro avviene in diverse scuole d’Italia”. “Inoltre – aggiunge – vorrei anche ricordare l’impegno dell’Amministrazione a favore delle famiglie degli studenti, impegno concretizzato nella conferma delle tariffe dei servizi accessori senza alcun aumento (scuolabus e mensa). Lo scuolabus pertanto, caso più unico che raro in tutta Italia, rimane gratuito per tutti, anche per i bambini della terza media che si dovranno recare ad Acquapendente; gli orari sono i medesimi dello scorso anno, salvo verifiche da effettuare sul campo in considerazione di nuovi studenti fruitori; la mensa per la scuola materna riaprirà, come consuetudine, dal 3 ottobre; i prezzi per ticket e gli scaglioni ISEE sono i medesimi dello scorso anno. Per gli studenti di terza media è confermata la borsa di studio di 150 euro per coloro che agli esami conseguiranno 10 con lode, 10 e 9.  Non mi rimane che formulare a tutti gli studenti di San Lorenzo Nuovo un caloroso augurio per un’annata proficua e ricca di gioie e soddisfazioni”.

TARQUINIA

“Abbiamo sempre messo tra le priorità dell’Amministrazione la messa in sicurezza e la riqualificazione delle scuole, investendo notevoli risorse economiche negli anni. Seguendo questo percorso, lo scorso 3 maggio avevamo approvato una delibera di giunta per gli adeguamenti sismici dei nostri istituti (quelli gestiti dal Comune) per 8 milioni e 633mila euro. Siamo pronti a chiedere allo Stato i finanziamenti necessari”. Lo dichiara il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, dopo annuncio del Governo del piano Casa Italia, il progetto per la prevenzione antisismica e il dissesto del territorio italiano. “Mi auguro che alle parole seguano i fatti e si dia corso a un piano serio che guardi all’immediato e al futuro – prosegue il primo cittadino -. Occorre uscire dall’ottica dell’emergenza ed entrare in quella di programmazione e progettazione ad ampio respiro e secondo una visione a lungo termine”. Gli interventi da finanziare riguardano la scuola elementare con i padiglioni “Corrado e Mario Nardi”, “Bonelli”, “Perrini”, “Rotelli”, “Valdi” (blocchi 1, 2, 3); le scuole materne di via Palmiro Togliatti e “Leoni”; l’IC “Ettore Sacconi”, compreso il plesso “Luigi Dasti”. “Sul piano legislativo – conclude il primo cittadino – è indispensabile che ci sia finalmente l’obbligo di rendere antisismici tutti gli edifici. Case, scuole, ospedali, presidi delle forze dell’ordine, caserme dei vigili del fuoco e prefetture devono essere luoghi sicuri e non diventare macerie tra cui scavare”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da