20012022Headline:

Cuba, un Paese sempre in attesa

Il giornalista Francesco Corsi racconta a Viterbopost il suo viaggio nell'isola

Fidel Castro e Che Guevara

Fidel Castro e Che Guevara

Il collega e amico Francesco Corsi, in occasione della morte di Fidel Castro, ha scritto per Viterbopost un suo personale ricordo del viaggio compiuto nell’isola. Eccolo:

Caro Nicola,

raccolgo il tuo invito a scrivere qualche riga su Cuba e su come la vidi quando, zaino in spalla, la visitai ormai tre anni fa (era proprio novembre). Non sono certo un esperto dell’isola, ci sono stato solo una volta e nemmeno per un mese. Non sono uno storico, un esperto di geopolitica o di scenari internazionali e non ho la minima idea di cosa accadrà a Cuba ora che Fidel è morto (oltre tutto con Trump come dirimpettaio). Castro se ne è andato, i giudizi su di lui vanno da mito a tiranno, da leader visionario a repressore sanguinario: li stiamo ascoltando tutti. Se la storia lo assolverà, per parafrasare il titolo del suo testo più famoso, lasciamolo dire agli storici. Che avranno sempre e comunque opinioni contrastanti.

A Cuba ebbi la sensazione di stare in un tempo sospeso e non solo perché ero in vacanza e, grazie a Dio, passai settimane senza Internet. Ricordo un popolo che vive, ama e litiga in strada, con tanti bambini a farla da padrone – come mai non ho incontrato in nessuna città europea – qualcuno lì vicino intento a riparare una Chevrolet del 1954, qualcun altro a commentare una partita di baseball tra “los industriales” e “los camarones” (le squadre de L’Havana e di Cienfuegos). Una nazione in cui ognuno aspettava qualcosa e tutti insieme aspettavano la morte di Fidel in un misto di speranza, noia, paura, rancore e curiosità. Ricordo città e paesi in cui si combatte una guerra quotidiana all’aria aperta e su tutti i fronti: alcuni vendono cose, soprattutto le più inimmaginabili, e altri soprattutto stranieri le comprano o sognano di comprarle. Qualcuno suda su una bicicletta per portare a spasso i turisti e altre, poco vestite, a sudare in un letto per un lavoro corporale e non solo notturno. Ho visitato qualche casa di poveri mangiando congris (a base di riso e fagioli neri), mentre loro parlavano di quanti, quella settimana, avevano tentato di andare a Miami a bordo di copertoni sfidando l’oceano e gli squali. Ho parlato con un paio di giornalisti del Granma, l’organo ufficiale del partito: vivevano con tristezza i loro piccoli privilegi, anch’essi in attesa. “Stiamo lavorando per un’altra forma di socialità, voi europei non potete capire”. E poi il mare e le spiagge, gli autobus pieni di gente, Trinidad coloniale e addormentata. E ancora la musica che impregna ogni attività umana, il sole che brucia dopo i violenti temporali caraibici, la religione vissuta tra santeria e santità: tutti elementi che hanno trasformato i cubani in qualcosa che non saprei definire, visto che non è fatalismo, rassegnazione o disincanto. E’ altro.

Fidel Castro, scomparso ieri a 90 anni

Fidel Castro, scomparso ieri a 90 anni

Mi chiedevo continuamente quale fosse il rapporto con Fidel, quello che mi colpì è che in pochi lo nominavano: per riferirsi a lui, portavano la mano al mento e facendola scorrere in basso di qualche centimetro facevano il cenno della barba. Qualcuno distante di cui avere timore e insieme rispetto. “Questo clan di vecchi che governa il Paese”, diceva qualcuno più incazzato. Qualcuno davvero entusiasta era da ricercare tra i più anziani, memori della corruzione ai tempi di Batista, tra i più c’era una forzata indifferenza. In tanti dopo il 1 gennaio del 1959 sono rimasti e lo hanno amato, supportato, poi sopportato e penso alla fine anche odiato; in tanti, invece, semplicemente non sono potuti andarsene. In queste ore penso alle persone che ho conosciuto giù e con le quali ogni tanto mi scrivo: immagino che i loro pensieri siano perlomeno confusi.

Per quanto mi riguarda faccio mie le parole di Roberto Saviano: “Scacciò un presidente corrotto sostituendolo con un regime militare. Fu amato per i suoi ideali che mai realizzò. Giustificò ogni violenza dicendo che la sanità gratuita e l’educazione erano all’avanguardia. Eppure, per realizzarsi, i cubani hanno sempre dovuto lasciare Cuba non potendo, molto spesso, far ritorno”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da