09042020Headline:

Microplastiche nel lago di Bolsena

Secondo di Legambiente, in media sono quasi 27mila le particelle per km quadrato

Uno scorcio del lago di Bolsena

Uno scorcio del lago di Bolsena

Il lago di Bolsena è inquinato, interessato fortemente da tracce di micro-particelle di plastica. Questo è quanto emerge dal primo studio preliminare redatto da Legambiente sulla presenza di microplastiche nei maggiori laghi italiani.

Nei mesi di giugno e luglio di quest’anno, durante la compagna denominata ”Goletta Laghi 2016”, l’associazione ambientalista, in collaborazione con Enea, Università Ca’ Foscari e Arpa Umbria, ha analizzato le acque del lago Maggiore, d’Iseo, di Garda, di Albano, del Trasimeno e, appunto, del lago vulsino. Desolante il quadro finale che ne è venuto fuori.

Stando al rapporto, il lago di Bolsena presenta una densità di media di quasi 27mila particelle di microplastiche per chilometro quadrato. Durante i campionamenti, effettuati il 17 luglio, è stata indagata principalmente la parte meridionale del bacino, divisa nello studio in tre zone: una tra Capodimonte e Marta, un’altra tra Capodimonte e l’Isola Bisentina e l’ultima tra l’Isola Bisentina e l’Isola Martana.

L’analisi di Legambiente è stata realizzata grazie all’aiuto dell’associazione ”Lago di Bolsena”, che ha messo a disposizione una barca su cui è stata trasportata la ”Manta”, la speciale strumentazione, realizzata dall’Università Ca’ Foscari, dotata di una particolare maglia ultra fine per la rivelazione delle particelle di plastica.

Secondo la ricerca, la maggiore densità di particelle su chilometro quadrato è stata rilevata nel tratto di acque tra la costa di Capodimonte-Marta e le isole del lago. ”E’ utile sottolineare – si legge nel rapporto – che i prelievi effettuati dalla Goletta dei Laghi nel territorio di Capodimonte rilevano ormai da anni la presenza di scarichi non depurati”.legambiente-goletta-laghi-640x508

Ma che cosa si intende esattamente quando si parla di microplastiche? Nello specifico si tratta di particelle di plastica con dimensione minore a 5 millimetri: possono avere origine primaria (pellets da pre-produzione, fibre tessili o microsfere abrasive) o secondaria, se derivano dalla disgregazione di rifiuti piu? grandi da parte degli agenti fisici. Sono sempre più presenti nell’ambiente, disperse negli ecosistemi marini e terrestri, ma si tratta di un inquinamento di difficile quantificazione e impossibile da rimuovere totalmente.

Negli ultimi anni sta crescendo la consapevolezza del fatto che anche le acque dolci non sono immuni da questo problema: trasportate da corsi e scarichi, macro e microplastiche sono sempre più presenti anche nei laghi. Un’ulteriore minaccia per ecosistemi chiusi, come quello di Bolsena, che potrebbero risentire maggiormente della presenza di rifiuti e di microplastiche da cui questi spesso si originano.

Gli studi sull’incidenza delle microplastiche in ambiente lacustre in Italia sono però ancora pochi.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da