20012022Headline:

Winter is coming, decalogo per la guida

Dieci norme per proteggere se stessi, gli altri e la propria macchina dal freddo

auto-ghiaccio Pochi giorni ancora e l’inverno meteorologico, da non confondersi con quello astronomico che nell’emisfero boreale farà capolino il 21 dicembre, piomberà nelle nostre vite. Volente o nolente, con buona pace di chi non apprezza gli schiaffi del gelo di prima mattina e i cappotti imbottiti come un tacchino il giorno del ringraziamento. E per non correre rischi al volante, da novello Mosè salvatore del suo popolo, il presidente dell’Aci Viterbo, Sandro Zucchi,  stila i 10 comandamenti per tutti gli automobilisti viterbesi. Che non vengono, questo giro, dal monte Sinai ma dalla Palanzana.

Primo comandamento: avere tutto l’occorrente per l’arrivo del freddo. Anche le nostre auto, come i proprietari del resto, soffrono le basse temperature. Se non si ha la fortuna di avere un garage per proteggere la vettura dalle gelate, bisogna avere gli strumenti necessari per farlo: spray decongelante per il parabrezza, liquido lavavetri fatto apposta e ovviamente gomme termiche e catene come d’obbligo di legge.

Secondo comandamento: occhio alle spazzole per i tergicristalli. D’inverno, causa le frequenti piogge, è buona norma controllarne lo stato di usura. Non sia mai che non funzionino a dovere durante un acquazzone, si corre il rischio di incidente. Costano pure poco tra l’altro.

Terzo comandamento: i fari. Stesso discorso per i tergicristalli. Sono gli occhi della nostre macchine nelle tenebre, pertanto è buona norma tenerli al massimo dell’efficienza , visto che durante l’inverno la luce va via presto. Sul mercato si trovano prodotti appositi per farlo.

Quarto comandamento: oltre a gomme termiche e catene, come detto precedentemente , è bene far controllare più spesso del solito la pressione degli pneumatici. Col freddo cala più velocemente, e frequentemente, che durante il resto dell’anno.

Quinto comandamento: guidare con prudenza con la neve.  Tenere le ruote parallele, sterzare dolcemente e frenare il meno possibile, per evitare sbandate e testa coda, almeno che non sia il campionato del mondo di Rally in Svezia.

Sesto comandamento: non fidatevi dell’elettronica, come diceva sempre la nonna. L’abs e l’esp funzionano a dovere ma se, e solo se, almeno una delle quattro gomme è in aderenza con l’asfalto. Evento remoto col ghiaccio per le strada.

Settimo comandamento: attenzione durante le partenze in salita. Sul suolo ghiacciato o innevato partire in salita da fermo è veramente molto difficile, poiché si tende a slittare e a perdere il controllo del veicolo. Se si parte da fermo è necessario scaldare, se possibile, un poco le gomme, (ruotando il volante come fanno i piloti di F1), e salire lentamente con marce alte, in modo da avere un incremento di potenza graduale. Se invece si è già “lanciati”, conviene non lesinare col gas, onde evitare di bloccarsi a metà salita, con comprensibili difficoltà a ripartire. In ambedue i casi è sempre opportuno disattivare il controllo di stabilità, che, in caso di salita e ghiaccio, diventerebbe troppo invasivo, tagliando eccessivamente la potenza.

Ottavo comandamento: attenzione, questa volta, alla discesa. Meno difficoltosa della partenza in salita, è pure sempre rischiosa: conviene sempre scendere in seconda, sfruttando il freno motore e frenare molto gradualmente, poiché l’intervento dell’Abs su strade ghiacciate potrebbe aumentare eccessivamente gli spazi di arresto, col rischio di andare a sbattere o di finire in un fosso.

Il presidente Aci Viterbo, Sandro Zucchi

Il presidente di Aci Viterbo, Sandro Zucchi

Il nono e il decimo comandamento riguardano il tipo di guida da attuare su fondo innevato: sempre meglio sfruttare il sovrasterzo, anche se è bene adottare questa tecnica per divertirsi in grandi spazi aperti e non su strade strette, dove comunque il rischio di incidente è dietro l’angolo. Il sottosterzo, invece, è ancor più rischioso, soprattutto in discesa, dove, su fondo innevato o ghiacciato, vi è il rischio concreto di girare il volante senza che l’auto effettivamente sterzi, con la possibilità di andare a sbattere. Un tempo in quest’ultimo caso ci si aggrappava al freno a mano per curvare, agendo sull’asse posteriore ma, ora che esistono i freni di stazionamento elettronici agenti sulle quattro ruote, è ancor più difficile controllare la vettura in caso di sottosterzo. Dunque in caso di neve meglio sempre il sovrasterzo del sottosterzo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da