20072017Headline:

Il sarcofago restaurato torna in città

Oggi dalle 9:30 una giornata di studi sul restauro in sala Regia a Palazzo dei Priori

Il sarcofago nel 1912

Un sarcofago

Oggi alle ore 9.30 si svolgerà presso la sala Regia del Palazzo dei Priori di Viterbo una giornata di studio sull’intervento di restauro del “sarcofago fittile policromo con figura femminile da una tomba di Poggio delle Fornaci, Viterbo del II sec. a.C”. L’intervento è stato condotto quale cantiere didattico della Scuola di Alta Formazione per restauratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma nel settembre 2015. Questo è il terzo e ultimo appuntamento della serie organizzata dal Museo Civico di Viterbo “Luigi Rossi Danielli” e dedicata a interventi di restauro e conservazione preventiva su opere del Museo.

Il sarcofago fittile di cui si parla è venuto alla luce durante una campagna di scavo eseguita nel 1784 a Poggio delle Fornaci (allora Poggio Giudio) e che ha permesso il rinvenimento di un gruppo di tombe ipogee risalenti al II sec. a.C. e, al loro interno, di numerosi sarcofagi. Il cantiere didattico su questo manufatto etrusco è stato rivolto agli studenti restauratori del I anno della Scuola di Alta Formazione (SAF) dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma e ha avuto luogo nel settembre del 2015 negli spazi del loggiato dello stesso Museo. www.iscr.beniculturali.it. La scelta di inserire quest’opera nel programma didattico è stata dettata sia dalle sue elevate qualità estetiche (si tratta di un’opera di grande valore nell’ambito della collezione) che per alcune sue caratteristiche particolari (quali le grandi dimensioni e lo stato parzialmente frammentario) che la rendevano didatticamente idonea come esperienza di restauro da parte degli allievi della SAF.

Allievi durante il restauro

Allievi durante il restauro

L’intervento attuale ha visto dunque lo svolgimento delle tipiche operazioni di un restauro di bene in ceramica, dalla pulitura alla protezione finale delle superfici, ma ha offerto agli studenti la possibilità di confrontarsi con le due fasi più difficoltose per reperti di tale tipologia ed in tali condizioni di conservazione: la ricostruzione e gli incollaggi dei numerosi frammenti anche di notevoli dimensioni e peso che spesso pregiudicano la possibilità di un loro corretto allineamento e la realizzazione di integrazioni che hanno sia funzioni strutturali sia funzioni di corretta fruibilità dell’opera. Il tempo a disposizione per il cantiere didattico non ha permesso di concludere l’intervento ma il restauro è stato ora portato a compimento dal docente restauratore Emanuele Ioppolo. Il progetto e l’esecuzione dell’intervento di restauro sono stati eseguiti da un gruppo di lavoro dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (RUP: Francesca Capanna, Direttore dei Lavori Archeologo: Giovanna De Palma, Docenti restauratori: Bianca Fossà e Emanuele Ioppolo) e vi hanno partecipato gli studenti Valeria Bellagamba, Raquel Delgado, Cristian Pedone ed Enrico Maria Sapienza. L’opera è stata infine ricollocata in una delle sale del primo piano del Museo Civico di Viterbo dedicate ai sarcofagi etruschi. Indirizzo del Museo Civico di Viterbo “Luigi Rossi Danielli” è piazza Francesco Crispi, Viterbo Sito web: http://www.visit.viterbo.it/pagine/museo-civico.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da