04122021Headline:

Se il patrimonio storico cade a pezzi

Nell’antico borgo medioevale di Celleno, crolla un muro del castello Orsini del XII secolo

Il muro del castello crollato

Il muro del castello crollato

Il patrimonio storico della Tuscia rischia seriamente di crollare in pezzi, in diversi comuni del viterbese i monumenti e i castelli sono lasciati nel più totale abbandono e inevitabilmente il passare del tempo li rende più fragili, dunque se non si vuole fare la fine che sta facendo Pompei con i crolli bisogna intervenire. L’ultimo crollo in ordine di tempo si è verificato nell’antico borgo medioevale di Celleno, di grande rilevanza dal punto di vista storico e artistico, dove nei giorni scorsi c’è stato un grave danno sul versante Nord a causa del crollo di un muro che delimita il fossato del castello Orsini del XII secolo.

Il crollo è una doccia fredda che avremmo voluto non avere – ha dichiarato il sindaco di Celleno Marco Bianchi -, ma non deve togliere vigore ai nostri sforzi affinché questo luogo venga conservato, valorizzato e scoperto dai turisti. Faccio appello a tutti gli enti interessati, alle associazioni, ai nostri cittadini, affinché questo segnale non venga ignorato: dobbiamo cercare in tutti i modi di salvare quello che rimane dell’antica rocca. So che in questo particolare momento l’attenzione è giustamente concentrata su altre emergenze, ma sono altrettanto cosciente che attendere a lungo un intervento potrebbe compromettere in maniera definitiva, non solo le murature esistenti ma, progressivamente, anche l’ultima piazza rimasta”.

Altra angolazione del muro

Altra angolazione del muro

Negli ultimi anni sono stati compiute rilevanti opere di consolidamento delle mura e recupero di alcuni edifici allo scopo riportare il borgo, almeno in parte, agli antichi splendori. C’è, infatti, un progetto dell’Amministrazione comunale, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e l’Università degli Studi della Tuscia, per lo studio e la mappatura dell’area e del territorio, la realizzazione degli scavi e la restituzione dei reperti archeologici etruschi e medievali di significativa importanza rinvenuti in passato a Celleno. Inoltre da tempo è divenuta la cornice suggestiva di eventi come il Presepe vivente e il festival La Notte dell’Arpia.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da