04072020Headline:

“La mafia non esiste” ma non per Pellegrini

Grande successo per la presentazione del libro ''Noi, gli uomini di Falcone''

angiolo-pellegrini-foto-brunella-bonaccorsi

Il generale Angiolo Pellegrini

Una guerra combattuta da pochi….forse perché sono in pochi quelli che la vogliono vincere. Veramente. Si contano sulle dita di una mano: Cassarà, Falcone, Borsellino, Chinnici, Dalla Chiesa e, uno dopo l’altro, muoiono sotto i colpi di una mafia “che non esiste”.

Accanto a loro, a combattere questa guerra mai vinta, pochi sopravvissuti, provati profondamente nel cuore e nell’anima. Tra questi il generale Angiolo Pellegrini che, nel 1981, a Palermo, assunse il comando della sezione Anticrimine dell’Arma dei carabinieri. Ieri, a Vasanello, in una sala gremitissima e partecipe, in un incontro organizzato  dall’amministrazione comunale per la serie “Lotta alle mafie”, Pellegrini, per oltre due ore, ha “disegnato”con le parole il quadro sconvolgente di una realtà che tutti conoscono ma fanno finta di non sapere: le trame, le collusioni politiche, gli omicidi efferati, le lupare bianche, i cadaveri nelle fondamenta dei palazzi, le vittime sciolte nell’acido….

Un quadro sconvolgente per dimensioni e collegamenti, svelato, nelle sue reali proporzioni, nel  maxi processo che si concluse con la Cassazione del 1992. Fino ad allora, Cosa Nostra era per tutti comunemente relegata al solo ambito palermitano, tanto da negarne l’esistenza addirittura a Catania.

Giovanni Falcone durante il maxiprocesso

Giovanni Falcone durante l’ormai famoso maxiprocesso

Pellegrini racconta nel suo libro “Noi, gli Uomini di Falcone (la guerra che ci impedirono di vincere)” la sua missione, la sua vocazione per la giustizia che lo costrinse a stare lontano dalla famiglia per quasi sei anni, la sua voglia di onestà condivisa con pochi amici e colleghi, perché, in questi territori “non devi conoscere nessuno.” Il generale ha trascinato la platea, con la capacità di un grande oratore, in una Sicilia devastata dalla paura e dalle vendette incrociate, dove al posto dello Stato è la mafia che comanda, e dove però, nello stesso tempo, c’è anche molta brava gente che rialza la testa e si ribella a tanta crudeltà.

E’ l’inizio di una vera e propria guerra che però, come dice il generale, “ci impedirono di vincere” perché, alla fine, il vero reale nemico rimase nell’ombra, agendo di nascosto. Per eliminare definitivamente questo sparuto manipolo di combattenti, prima ne vanificò il lavoro negando mezzi, risorse e possibilità, e poi arrivò a smembrare impietosamente tutta la squadra.

Forse effettivamente, a voler vincere davvero quella guerra, erano proprio in pochi.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da