15122017Headline:

“Un mare di opportunità” per la pesca

La Regione Lazio ha presentato le iniziative per lo sviluppo dell'economia marina

L'assessore Carlo Hausmann

L’assessore Carlo Hausmann

La Regione Lazio ha presentato presso la Casa del Mare di Ostia di RomaNatura, il programma di iniziative e opportunità avviate e in programmazione per lo sviluppo dell’economia del mare.

Una giornata di studio e confronto sui temi legati allo sviluppo sostenibile, ambientale ed economico delle risorse legate al mare a beneficio dei territori costieri del Lazio: dalle opportunità del Fondo Europeo Affari Marittimi e Pesca, il Feamp, alla pianificazione dello spazio marittimo, all’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno, al progetto Pesce a miglio zero, alla rete creata con il mondo Slow Food. A dare il loro contributo l’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Carlo Hausmann, il padrone di casa il presidente di RomaNatura, Maurizio Gubbiotti, l’assessorato allo Sviluppo Economico, il direttore generale della Pesca del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Riccardo Rigillo, l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati, la consigliera regionale, Cristiana Avenali, il direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana M. Aleandri, Ugo della Marta, la vice presidente nazionale di Slow Food, Francesca Rocchi. Moderatore il giornalista Sandro Capitani, che ha animato la discussione.

“Attivare l’economia del mare – ha dichiarato l’assessore Carlo Hausmann – può contribuire a offrire una reale opportunità di sviluppo, di occupazione e di coesione sociale. La Regione è impegnata su più fronti nel rilancio del settore della pesca e dell’acquacoltura. Primo fra tutti c’è l’impegno sull’utilizzo del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e della Pesca (Feamp), su cui abbiamo a disposizione una dotazione finanziaria complessiva di circa 16 milioni di euro e su cui siamo a un ottimo punto grazie alla proficua collaborazione con il Mipaaf, che ringrazio. A oggi abbiamo aperto i bandi più importanti, per un impegno di spesa complessivo di circa 7,7 milioni di euro, quasi la metà dell’intera dotazione.

Gli investimenti che abbiamo attivato riguarderanno le attività dei Gruppi di Azione Locale del settore Pesca (Flag), bando chiuso a cui è andato un contributo di oltre 2,1 milioni di euro; i progetti dei bandi ancora aperti su: trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura con un sostegno di 2,2 milioni di euro; miglioramento dei porti, dei luoghi di sbarco, delle sale per la vendita all’asta e dei ripari di pesca con circa 1,3 milioni di euro di contributo e il bando uscito proprio ieri a favore degli investimenti produttivi per il settore acquacoltura, che prevede un finanziamento di 1,7 milioni di euro. Di prossima uscita il bando per la commercializzazione e la promozione sui prodotti sostenibili della pesca e dell’acquacoltura, con un fondo disponibile di circa 350mila euro.

Si tratta di aiuti che sostengono progetti innovativi, capaci di mettere in moto un sistema integrato di sviluppo in chiave sostenibile, ambientale e soprattutto economico. Naturalmente per giungere a questi obiettivi fondamentale è il ruolo delle imprese, la loro capacità di lavorare in un’ottica multifunzionale e collettiva. Dobbiamo immaginare il settore della pesca non come un comparto a sé stante, ma come parte di un sistema capace di comunicare con altri settori come l’acquacoltura, il turismo, l’offerta enogastronomica, i servizi locali, le infrastrutture. Su questa strategia siamo tutti chiamati a lavorare”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da