12112019Headline:

“Stop gestione selvaggia dell’acqua”

Martedì in Commissione Ambiente la discussione di una risoluzione voluta dal M5S

acqua talete“Abbiamo sfruttato oltremodo la risorsa idrica, abbiamo migliaia di chilometri di reti di acquedotti colabrodo, la manutenzione è assente, gli investimenti inesistenti. Questo è il contesto da tenere presente quando parliamo di allarme siccità. Gli effetti che vediamo sono le ordinanze comunali che limitano l’uso di questo bene primario e indispensabile. Ma dietro questo effetto visibile ci sono decenni di cattiva gestione e un approccio non sistemico alla vicenda. Certo, abbiamo inanellato troppi giorni senza pioggia, i cambiamenti climatici non sono certo una scoperta di oggi, ma se l’acqua scarseggia guardiamo a come stiamo sfruttando questa indispensabile risorsa”: è la denuncia dei deputati della Commissione ambiente del M5S.
Martedì in Commissione inizierà la discussione di una risoluzione che porta come prima firma quella di Federica Daga.
“Negli ultimi vent’anni la gestione è passata nelle mani di privati, spesso multinazionali. Conseguenze? Bollette aumentate, investimenti pressoché azzerati, i profitti alle stelle e le reti idriche un colabrodo. E l’emergenza siccità – dice Federica Daga – viene utilizzata dalle società provate per battere cassa e occupare tutte le fonti d’acqua residue”.
“Con la nostra risoluzione impegniamo il governo a proteggere le aree e le fonti dalle quali i gestori prelevano l’acqua che arriva alle nostre case anche creando un tavolo di crisi congiunto tra i ministeri  Ministeri dell’ambiente, dello sviluppo economico, delle infrastrutture e delle politiche agricole; a promuovere politiche volte al risparmio idrico; a controllare l’operato dei gestori sulla base di quanto previsto dalle convenzioni che hanno firmato con i Comuni dove gestiscono le reti; a fare in modo che i gestori stessi impegnino una parte degli utili derivanti dalla gestione dell’acqua ad investimento nelle reti. L’acqua è un bene finito, il nostro compito è quello di tutelare la quantità e la qualità delle acque per garantirle alle generazioni future”, conclude la Daga

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da