12042021Headline:

Un treno storico per la Tuscia

Amministratori locali e associazioni scrivono a Zingaretti

Uno dei famosi treni storici d'Italia

Uno dei famosi treni storici d’Italia

Le bellezze del territorio della Tuscia e il fascino dei treni di una volta. Sono queste le caratteristiche vincenti del progetto di rilancio del turismo sostenibile sulla linea Roma-Civita Castellana-Viterbo.

Il comitato Trasporti Storici di Roma e Lazio, in collaborazione con l’associazione TrasportiAmo e con la onlus Ars, con il placet degli amministratori locali, ha deciso di portare all’attenzione del governatore della Regione Lazio Zingaretti questa innovativa quanto sostenibile idea di sviluppo turistico. I treni storici che viaggiano sulla Roma Nord potrebbero diventare una sorta di museo storico in movimento come già avviene in altre regioni d’Italia.

‘Il treno della Sila è un treno a vapore. Perché non possiamo anche noi avere il treno storico della Tuscia?’, aggiunge David Nicodemi dal comitato TSRL. ‘Sta funzionando nelle altre regioni come il Veneto e la Calabria. E noi vorremmo fare la stessa cosa’. Ovvero un “viaggio su vetture originali degli anni 30” attraverso la Regione Lazio, per ”riscoprire i territori, riunire realtà locali e appassionati”.

Questa iniziativa incontra però problemi di carattere tecnico e burocratico. La tratta è gestita da Atac che di fronte a quest’idea ha più di una perplessità, visto che l’azienda ha iniziato da anni la demolizione dei rotabili storici. Inoltre, come spiegato ancora da David Nicodemi, per realizzare il Treno della Tuscia occorrono vetture idonee.

”Ci sono 4 carrozze ricoverate a Viterbo – dicono da Tslr – peccato che non possano marciare insieme, sono tecnicamente incompatibili. Vanno sostituite due vetture, e per farlo non c’è bisogno di investire nulla. Il comitato si sta muovendo per recuperare risorse attraverso una cooperativa. Non vengono certamente toccati soldi destinati al trasporto pubblico”.

I cittadini, le associazioni e le amministrazioni locali dei comuni interessati dalla Roma Nord, a questo appunto attendono solo di capire quale sarà la posizione della Regione nei confronti di un progetto che permetterebbe non solo di valorizzare il turismo sostenibile in molti borghi, ma anche di recuperare elementi della memoria storica. Il treno della Tuscia è tornato all’opera in via del tutto eccezionale nel 2007, in occasione dei 75 anni della Roma-Viterbo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da