22102017Headline:

”Ho portato il mare a Viterbo”

L'artista parla del suo progetto con i detenuti

come-un-mare”Portare il mare dove non c’è” questa è l’idea, riassunta in una frase, dall’artista Anna Raimondo che, dopo aver fatto tappa a Bruxelles e Milano, è sbarcata proprio a Viterbo. A curare il tutto è stato Marco Trulli che, con la complicità di Sara Bauli e Laura Crescentini dell’Arci, ha invitato Anna nella città dei Papi cominciando un percorso di riattivazione del mare in luoghi in cui, il mare, non c’è.

”Grazie al carcere – continua l’artista – ho pensato di fluidificare il dentro con il fuori. E con i detenuti abbiamo portato avanti un laboratorio fatto di evocazioni, ma anche divertimento”. Sono stati loro, infatti, a rendere tutto molto radiofonico e raccontare una giornata al mare riproducendone i suoni e i rumori con l’uso della voce.

”Dai ricordi ai desideri e le canzoni che legavano le persone con cui ho lavorato in carcere si è formata una connesione con il fuori da estendere e diffondere grazie alle loro voci e poticamente portarli al loro mare”. E il risultato è in un furgoncino bianco che, per le vie della città, ha trasmesso il risultato di questo originale progetto.

Il video ”Come un mare for d’acqua” riporta il viaggio di una radio ambulante che trasmette il racconto ”acquatico” girovagando per le vie della città dei Papi. Dalla periferia alle piazze del centro per portare il mare dove non c’è.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da