25022021Headline:

Getta materiale edile ai lati della strada

"Sta facendo di strada Freddano una discarica e a nessuno frega"

2017 strada freddano (2)“Con la scusa di tappare le buche sta rendendo strada Freddano una discarica a cielo aperto”. Materiale edile di scarto, compresi sanitari in ceramica, viene riversato in pieno giorno da un camion di un privato ai lati della carreggiata di strada Freddano che costeggia per un tratto anche la Via Francigena percorsa spesso da pellegrini e turisti. A denunciare tutto un lettore di Viterbonews24 che si è detto “inorridito da una situazione scandalosa che non interessa a nessuno”.

“Appena ho visto che dal camion stavano gettando il materiale edile ai lati della strada in tutta tranquillità – racconta il lettore – ho chiesto spiegazioni e mi è stato detto che lo stavano facendo per tappare le buche. Ho quindi immediatamente allertato la polizia locale di Viterbo che per tutta risposta mi ha liquidato con una scusa dicendomi che la cosa non era di loro competenza”.

Gli scarti provenienti da un cantiere edile, quali calcinacci, guaine, mattonelle e sanitari in ceramica, sono classificati come rifiuti speciali e devono essere depositati presso gli impianti addetti allo smaltimento. Non possono assolutamente essere lasciati altrove tanto meno ai lati di una strada pubblica dove non potendo degradarsi si accumulano come rifiuti a volte anche pericolosi.

“Strada Freddano sta diventando così una discarica a cielo aperto e a nessuno interessa nonostante lì accanto ci sia pure la Via Francigena – conclude il lettore -. Bisogna fermare questa persona che ha già riversato il materiale edile di scarto per oltre 100 metri lungo strada Freddano”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da