08082022Headline:

Per Bonucci ”un bagno di umiltà”

Leo è già finito al centro delle polemiche

bonucci rosso varHa lasciato Torino e la Juventus ”più affamato che mai” e con l’intento di ”spostare gli equilibri”. Leonardo Bonucci doveva cambiare faccia al Milan, ma dopo nove giornate di campionato il difensore di Viterbo non sembra essere stato in grado di tener fede a quei proclami sbandierati al suo arrivo a Milano.

Il record di primo calciatore espulso grazie all’utilizzo del Var non era certo il tipo di primato che si attendevano da lui i tifosi rossoneri. Ma che a Milanello qualcosa abbia smesso di funzionare è un fatto ormai acclarato: dopo un mercato faraonico e l’inizio scoppiettante contornato da grandi aspettative, la squadra rossonera pare essersi già smarrita.

Una spiegazione della crisi milanista e del momento no del neo capitano Bonucci ha provato a fornirla proprio il mental coach di Leo. Intervenuto a Radio 24, Alberto Ferrarini ha spiegato cosa sta accadendo al centrale ex Juve.

”Conosco Bonucci da tanti anni, da quando nel 2008 andava in tribuna – afferma il motivatore – Io l’ho definito un soldato, lo è stato di Conte e della Juventus. Se tornerà a fare il soldato i milanisti avranno immense soddisfazioni, lui è un accentratore di energia. Lui non è nato campione, lo è diventato solo attraverso il lavoro”.

Non sono certo parole facili da digerire queste, soprattutto in un momento difficile come questo, dopo l’espulsione rimediata domenica per la gomitata al genoano Rosi. Il calciatore viterbese è stato sanzionato con una squalifica di due giornate che lo porterà a saltare anche la sfida contro la sua Juventus.

”Con quella espulsione ha toccato il fondo, adesso però sono convinto che ci sarà la sua rinascita – conclude Ferrarini – è come se un capitolo si fosse chiuso ed è il momento di aprirne un altro, è stato un game over. Lui vuole tornare più forte di prima, questo bagno di umiltà gli ha fatto tanto bene perché l’accoglienza che ha ricevuto al Milan in estate ha spedito il suo ego al cinquantesimo piano di un grattacielo. Questa ridimensionata gli tornerà utile, gli farà bene”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da