26052018Headline:

Oggi alle urne, ecco come si vota

Politiche e Regionali 2018: il vademecum

Domenica 4 marzo si vota per rinnovare 630 deputati e 315 senatori e nel Lazio per l’elezione del Presidente della Regione Lazio e il rinnovo dei 51 Consiglieri del Consiglio Regionale.

Rispetto alle passate elezioni si potrà votare solo nella giornata di domenica. Per le politiche per la prima volta si voterà con il sistema misto introdotto dalla nuova legge elettorale, il “Rosatellum”, per le regionali con la nuova Legge Regionale 10-2017.

Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. Agli elettori saranno consegnate tre schede (due per gli elettori sotto ai 25 anni che non possono votare per il Senato): rosa per la Camera, gialla per il Senato e verde per le Regionali.

Le schede vanno votate senza essere sovrapposte.

Per quanto riguarda le elezioni politiche, la scheda (gialla e rosa) è composta da due sezioni differenti. Ci sarà il nome del candidato uninominale e i simboli dei partiti che compongono le coalizioni, o i singoli partiti, con a fianco i nomi dei candidati al plurinominale.

Il voto si può esprime tracciando un segno sul rettangolo che contiene il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. In questo modo, il voto vale anche per il candidato nel collegio uninominale e per la lista nel plurinominale collegata.

Se, invece, il segno è tracciato solo sul nome del candidato nel collegio uninominale, il voto è valido lo stesso anche per la lista collegata.

Se si traccia un segno sul rettangolo dove è presente il nominativo del candidato nel collegio uninominale e un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale, sia della lista.

Non è ammesso il voto disgiunto.

Per quanto riguarda le Regionali, l’elettore può votare:

per un candidato alla carica di Presidente della Regione, tracciando un segno sul contrassegno o sul nome del candidato prescelto, senza alcun voto ad una lista circoscrizionale

per un candidato alla carica di Presidente della Regione, tracciando un segno sul contrassegno o sul nome del candidato prescelto, e per una delle liste circoscrizionali ad esso collegate

disgiuntamente per un candidato alla carica di Presidente della Regione, tracciando un segno sul contrassegno o sul nome del candidato prescelto, e per una delle liste circoscrizionali ad esso non collegate

Il voto alla lista circoscrizionale si esprime tracciando un segno sul relativo contrassegno e/o esprimendo fino a due voti di preferenza. Il voto di preferenza si esprime scrivendo il cognome, ovvero il nome e cognome, dei candidati compresi nella lista medesima.

Si possono esprimere al massimo due preferenze. In questo caso la seconda deve essere di genere diverso dall’altra, pena l’annullamento della seconda preferenza.

A seggi chiusi, domenica 4 marzo inizierà lo spoglio per le politiche partendo dal Senato e poi la Camera. Lo spoglio delle Regionali inizierà invece lunedì 5 marzo alle 14, e comunque, completato lo spoglio delle politiche.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da