24092018Headline:

La filosofia si interroga su dolore e sofferenza

Torna dopo un lungo silenzio la società filosofica italiana "Pasquale Picone"

sofferenza 1La filosofia si interroga sul dolore e sulla sofferenza. La Sfi, Società filosofica italiana sezione di Viterbo, Pasquale Picone, dopo un lungo silenzio, dovuto alle note vicissitudini: la perdita del suo presidente fondatore della sezione di Viterbo, di cui la sezione oggi porta il nome, la ricostituzione dell’associazione e la ricomposizione degli incarichi, torna al pubblico, interrogandosi su alcuni aspetti del male che accompagnano la condizione umana nel mondo della vita.

In questo quadro prospettico emergono le due situazioni ineludibili ed enigmatiche del dolore e della sofferenza. Il convegno si terrà il giorno 16 e 17 aprile, presso l’Auditorium università della Tuscia, via Santa Maria In Gradi, 4, Viterbo, essendo la naturale sede, Consorzio gestione biblioteche comunali e provinciali, Viale Trento, 24. 01100 Viterbo, 0761 228162, ancora impraticabile perché in fase di ristrutturazione. Il programma prevede questi interventi:

16 aprile ore 16, professor Antonio De Luca, Dalla psicopatologia alla sofferenza; professoressa Paola Bianchini, Dolore e sofferenza nel pensiero di P. Ricoeur; Prof. Gaetanone Mollo, Il dolore e l’evoluzione.

17 aprile ore 9, professor Luciano Dottarelli, Parlare il dolore. Filosofia e Psicoanalisi di fronte all’esperienza del male; professor Aurelio Rizzacasa, Esistenza e persona di fronte al problema della sofferenza.

I lavori saranno conclusi con repliche e approfondimenti ad opera del professor Antonio De Luca.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da