04042020Headline:

Successo per “Maria Hardouin di Gallese e D’Annunzio”

Circa 400 i partecipanti a Gallese per l'incontro di grande spessore storico-culturale

gallese-1Nella splendida cornice del Museo “Marco Scacchi” di Gallese, in una sala gremita all’’inverosimile, si è svolto domenica scorsa l’atteso convegno “Maria Hardouin di Gallese e Gabriele d’Annunzio, storia di un matrimonio”, una manifestazione dall’alto spessore storico culturale, organizzata dall’efficiente staff della Pro loco di Gallese in collaborazione con la Pro loco di Ostia Aterni e sotto con l’alto patrocinio della Regione Lazio, della Regione Abruzzo, della città di Gallese, della città di Pescara e della Fondazione Vittoriale degli Italiani.

Circa 400 i partecipanti al grande evento gallesino che hanno assistito ad un interessante excursus storico sul difficile amore tra il grande poeta italiano e la giovane discendente di una delle famiglie più importanti della nobiltà romana. Di tutto rilievo il parterre degli ospiti intervenuti a trattare le tematiche del convegno: erano presenti, infatti, Annamaria Andreoli, presidente dell’Istituto di Studi Pirandelliani e sul Teatro Contemporaneo di Roma, Dante Marianacci, presidente del Centro Nazionale di Studi Dannunziani, Franca Minnucci, attrice e curatrice su Rai3 Abruzzo di una rubrica sulla poesia nel programma “Buongiorno Regione”, Franco di Tizio, biografo dannunziano, Italo Rossetti, insegnante di Italiano e Latino e Giuliana Vittoria Fantuz, massima studiosa e biografa di Maria Hardouin di Gallese ed autrice de “Il Peccato di Maggio, Maria Hardouin di Gallese e Gabriele D’annunzio”.

A fare gli onori di casa, il presidente della Pro loco di Gallese, Marco Rossi, ed il sindaco di Gallese Danilo Piersanti che hanno calorosamente ringraziato i presenti per la folta partecipazione e rinnovato l’impegno a mantenere vivo l’interesse per una manifestazione che punta ad acquisire un prestigio internazionale. E considerato l’alto valore dei temi trattati, i presupposti ci sono tutti.

Tra gli ospiti illustri in sala, oltre a sindaci ed amministratori locali, anche la gradita presenza del Duca Luigi Maria Hardouin di Gallese e della Sua gentile consorte. Ai margini del convegno, Franca Minnucci ha incantato i presenti in sala dando vita ad una lettura magistrale di due poesie di Gabriele d’Annunzio che, in un silenzio irreale e suggestivo, hanno riproposto il grande sentimento d’amore del Vate per l’adorata “Madame d’Annunzio”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da