20052018Headline:

Una domenica mattina in pista con una Ferrari 488 GTB

VITERBO – “Domenica 29 aprile ho vissuto una giornata speciale perché sono stato invitato da Puresport, che ringrazio moltissimo, al circuito internazionale di Viterbo dove ho trovato a ricevermi quattro supercar: le puresport viterbo francesco (1)Ferrari 488 GTB e 458 Italia, e le Lamborghini Huracan e Gallardo, automobili che vanno da 570 ai 670 cavalli di potenza. Puresport, azienda fondata da Rosario Campagna nel 1999, organizza queste giornate in pista in tutta Italia nei circuiti più importanti della nostra penisola: Monza, Mugello, Imola, Vallelunga, Adria, Cremona, Vairano, Franciacorta, Viterbo e Misano.
Centinaia di appassionati da tutto il comprensorio sono giunti al circuito viterbese per provare la guida di una delle quattro GT, tra cui io che ho voluto provare questa esperienza di persona: un misto tra eccitazione e ansia, che si è trasformata in determinazione nel momento esatto in cui sono salito sull’auto che avevo scelto per la prova in pista, la Ferrari 488 GTB, un connubio di sportività, potenza, tecnologia e sicurezza di guida. Appena arrivati e dopo aver effettuato la registrazione c’è stato il briefing con consigli utili sulla tecnica di pilotaggio, effettuato da piloti professionisti.

Finito il corso teorico, siamo stati divisi in gruppi per il giro di ricognizione sulla navetta e vi assicuro che mai avrei pensato che un “furgone” potesse esserepuresport viterbo francesco (10) guidato così al limite, merito del pilota che spiegava come affrontare curve e rettilinei in modo da replicare poi con le supercar. Questa prima parte dedicata alla teoria è molto importante, bisogna essere concentrati e recepire più informazioni possibili in modo da sfruttare al meglio l’auto e la pista.
Dopo qualche minuto di attesa è stato il mio turno: salgo in auto, è molto bassa ma sono subito a mio agio, regolo il sedile, inserisco la cintura di sicurezza e aspetto al box che le auto davanti a me partano. Automobili di questo genere hanno tutte il cambio sequenziale al volante e non hanno frizione: bisogna essere concentrati se non si è mai avuto a che fare con i paddle al volante che gestiscono le cambiate ma anche questo particolare aiuta ad immedesimarsi in veri piloti. Finalmente è il momento, aspetto che il rettilineo sia libero e parto per i miei 4 giri… prima, seconda, terza ed è subito adrenalina. Cerco di guidare al meglio ascoltando l’istruttore seduto al mio fianco che in tempo reale mi dice cosa fare e se non spingi al massimo te lo fa presente… fantastico. Lui sembra essere serenissimo come se stessimo facendo una passeggiata al lago, mentre io ero teso ma determinato a guidare al massimo delle mie possibilità. Negli ultimi due giri ci ho preso la mano e ho spinto di più, anche tardando il momento della frenata: a tutti, pensando a queste vetture, viene in mente la velocità ma vi assicuro che la potenza frenante è micidiale e i tempi decelerazione sono minimi. Qualche curva fatta bene, qualche altra meno, ma guidare su quel bolide mi ha fatto rendere conto di come sia facile stare al volante di auto del genere: pensavo fosse molto più complicato ma l’elettronica rende la guida molto stabile e sicura… non ho mai pensato di andare fuori strada o di sbagliare qualcosa.

Il circuito internazionale di Viterbo ovviamente non è Monza, ma è un’ottima pista, larga circa 10 metri con due rettilinei di 170 metri: non è necessario arrivare a 300 Km/h per sentire il “brivido”! A fine prova è stato rilasciato ad ogni provetto pilota un attestato di partecipazione e di guida sull’auto provata: un’esperienza meravigliosa da fare e che io che rifarò sicuramente appena Puresport tornerà a Viterbo, o magari farò una scappatina al Mugello”.

puresport viterbo francesco (2)puresport viterbo francesco (4)puresport viterbo francesco (8)

puresport viterbo francesco (6)

 

 

 

 

 

 

puresport viterbo francesco (3)

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da