13112018Headline:

Lo stendardo Romanelli torna al suo posto

Dopo il magistrale restauro la preziosa opera è di nuovo nella chiesa del Gonfalone

stendardo romanelliLo stendardo di Romanelli è tornato al suo posto nella chiesa di San Giovanni Battista del Gonfalone, in via Cardinal la Fontaine.

La preziosa opera del pittore viterbese Giovanni Francesco Romanelli, dipinta nel 1649, è tornata a nuova luce dopo il magistrale lavoro di restauro. Ora può essere di nuovo ammirata all’interno della chiesa, di per se splendido esempio di barocco viterbese, sopra l’altare maggiore. Lo stendardo è decorato su due lati, sul fronte è raffigurato il “Battesimo di Cristo”, sul retro invece “La Madonna del Riscatto con San Bonaventura”.

La confraternita del Gonfalone viterbese, che si occupa da anni della gestione della chiesa, degli eventi e delle visite guidate al suo interno, ringrazia il lavoro svolto da Anna Tozzi e Maria Rosa Cecchetti, le abili restauratrici del laboratorio di restauro di Viterbo, la Fondazione Carivit per essersi occupata dell’illuminare lo stendardo di Romanelli per esaltarne tutta la sua bellezza, e la Curia Vescovile per l’eccellente lavoro di coordinamento.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da