15082018Headline:

Rapinano il Todis con una pistola giocattolo, chiesti 7 anni di carcere

l testimone: “Ho visto un uomo fuggire con l’arma in mano e il passamontagna”

In tre, con i volti coperti da passamontagna scuri, avrebbero messo a segno tre diverse rapine all’interno del Todis di Capranica. Tra l’ottobre e il novembre del 2013. Soldi sottratti all’interno delle casse, generi alimentari, cellulari e notebook rubati dagli uffici dei responsabili al piano superiore del supermercato.

Ora per quella rapina e per quei furti, in tre rischiano una condanna a sette anni di carcere: è stato lo stesso procuratore capo Paolo Auriemma a chiederne le pene. Quattro anni e 4 mila euro di multa per U.E., un anno e sei mesi per i suoi due presunti complici, D.C. e L.C.

“Ci troviamo di fronte a persone con precedenti specifici – ha spiegato il procuratore in aula davanti al collegio di giudici – U.E. era uscito di carcere da pochi mesi per un’altra rapina quando è stato fermato di flagranza subito dopo il furto. Chiaro esempio di come la sua pena non abbia avuto una funzione rieducativa: per questo sono costretto a chiedere una nuova e più pesante reclusione”.

A riconoscere i presunti responsabili alcuni testimoni oculari, come un volontario della Croce Rossa Italiana: “Ero a pochi metri dal supermercato la sera del 4 novembre, ho sentito delle urla disumane di spavento, mi sono avvicinato e ho visto chiaramente un uomo di colore scappare. Aveva un’arma in mano e mentre correva verso la fermata dell’autobus più vicina si sfilava di dosso il passamontagna”.

Un’arma ritrovato poco tempo dopo dai Carabinieri di Sutri che poi si è rivelata un giocattolo: “Avevano tolto il bollino rosso, sembrava una vera arma di ordinanza” spiega il carabiniere intervenuto.

Le rapine messe a segno tutte poco prima dell’orario di chiusura del punto vendita, “quando c’è meno gente e le casse sono piene di liquidi” spiega una cassiera.

Parola alle difese il 17 ottobre prossimo, poi la sentenza.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da