15112018Headline:

Trenta cani in casa e centinaia di uccelli

''Non ho mai visto tanto letame e sporcizia'', l’uomo a processo per maltrattamenti

Avrebbe avuto una trentina di cani in casa e decine e decine di uccelli, all’interno di gabbie piccole e poco spaziose. Ma non solo, alcuni pappagalli sarebbero stati rinchiusi al buio nel garage seminterrato.

”Non ho mai visto tanto letame e tanta sporcizia all’interno di un solo appartamento. La puzza era nauseabonda e gli animali vivevano in condizioni pessime” spiega la vice presidente dell’associazione Incrociamo le zampe onlus, che nel febbraio del 2013 sporse una denuncia contro il padrone di casa, oggi a processo per maltrattamenti, assieme alla madre.

Pitbull rinchiusi all’interno delle stanze della villetta, cuccioli di dalmata nascosti sotto il letto o dentro gli armadi e altri meticci a spasso per il giardino. ”Non c’erano ciotole né per il cibo, né per l’acqua – prosegue la volontaria – quando siamo arrivati, avevamo della carne con noi: i cani ci si sono letteralmente fiondati addosso, litigando per un pasto e aggredendosi gli uni con gli altri”.

Cani di ogni razza e taglia ”evidentemente non abituati a vivere in compagnia di altri simili o in spazi aperti” perché al momento della loro liberazione, ”sarebbero come impazziti, mordendosi e ferendosi”.

Quelle stesse ferite che poi il veterinario della Asl, chiamato dai carabinieri, avrebbe medicato.

Non molto diversa la situazione dei pappagalli: ”Abbiamo trovato gli uccelli chiusi nel garage al buio e in piccole gabbie in giardino: non avevano cibo, ma le loro condizioni erano di gran lunga migliori di quelle dei cani, visibilmente affamati e denutriti”.

L’uomo, un ex allevatore di pappagalli costretto al fallimento dalla crisi del mercato, ora rischia fino a un anno e mezzo di carcere. Intanto in aula si difende: ”A quegli animali volevo bene: li nutrivo due volte al giorno come potevo, anche aiutato economicamente dai miei famigliari”.

Si tornerà in aula il prossimo 15 ottobre.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da