22112019Headline:

Palazzo dei Priori dichiara guerra alle barriere architettoniche

Oltre 215mila euro per la messa a norma della biblioteca comunale degli Ardenti

Piazza Giuseppe VerdiPalazzo dei Priori dichiara guerra alle barriere architettoniche e stanzia oltre 215 mila euro per la messa a norma della biblioteca comunale degli Ardenti.

Ospitata all’interno di Palazzo Santoro, il polo rappresenta uno spazio culturale nevralgico per il centro urbano di Viterbo, che dovrà diventare accessibile a tutti. Per questo, con delibera del 20 agosto scorso, il consiglio comunale ha approvato il progetto per l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche presenti al suo interno, andando a modificare alcuni locali della struttura così da renderli fruibili da parte di studenti e studiosi proveniente da ogni parte della regione, comprese le categorie “deboli e disagiate”.

Il progetto, inserito all’interno del programma triennale delle opere pubbliche 2018-2020, verrà diviso in tre fasi di realizzazione. La prima consisterà nell’installazione di ascensori e montascale per persone diversamente abili. La seconda nell’adeguamento alla normativa attuale dei servizi igienici di tutto l’edificio. E la terza, nonché ultima, finale fase, consisterà nell’adeguamento degli accessi e dei percorsi.

Via, dunque, ogni barriera architettonica presente all’interno dei locali pubblici di piazza Giuseppe Verdi, nota ai più come piazza del Teatro. La biblioteca degli Ardenti finalmente sarà fruibile da tutti. Ci vorranno alcuni mesi per la partenza dei lavori e il completamento dell’opera. ma intanto il Comune c’è: stanziati in bilancio i 215 mila euro, si attende il contributo finanziario regionale.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da