15112018Headline:

Rinchiudono i dipendenti in una botola e li minacciano di morte, condannati

Li credevano responsabili di un furto subito dall'azienda agricola. Titolare e complice dovranno scontare un anno e quattro mesi di reclusione

VIGNANELLO – Li hanno rinchiusi in una botola scavata nel terreno, li hanno minacciati di morte con una pistola e poi massacrati di botte. La loro colpa? Essere creduti responsabili di un furto di attrezzi agricoli all’interno di un’azienda di legname di Vignanello. Per questo i due responsabili della mattanza, il titolare dell’azienda e il suo braccio destro sono stati condannati: un anno e quattro mesi di reclusione ciascuno e una provvisionale di 2500 euro, in attesa del risarcimento danni alle vittime da stabilire in sede civile.

Le condanne sono arrivate a distanza di alcuni mesi dalle richieste formulate dall’accusa che per il titolare dell’azienda attiva nel campo della falegnameria aveva chiesto un anno e otto mesi di reclusione, mentre per il suo complice, già in carcere per un’altra condanna, un anno e due mesi.

Ci ha pensato il giudice monocratico Giacomo Autizi a livellare le posizioni: riconosciuto per entrambi lo stesso livello di responsabilità dovranno scontare un anno e quattro mesi di reclusione.

A subire la mattanza nella notte del 23 gennaio del 2017, due dipendenti dell’azienda, ritenuti responsabili del furto di attrezzi agricoli e motoseghe subito nella notte precedente.

”Era sera quando ci hanno chiamato – hanno raccontato in aula nel corso delle precedenti udienze – ci hanno detto di raggiungerli ai capannoni. E così abbiamo fatto. Ci hanno fatto inginocchiare, minacciandoci di morte se non avessimo rivelato dove fosse la refurtiva. Poi ci hanno massacrato di botte e non contenti ci hanno puntato in fronte una pistola. Solo dopo ci hanno rinchiusi in una botola scavata nel terreno e chiusa con una griglia metallica: eravamo spaventati, doloranti e increduli di quanto stesse succedendo”.

Ieri, a nemmeno due anni di distanza, la sentenza: riconosciuti come vittime di lesioni, minacce e sequestro di persona, potranno richiedere il risarcimento dei danni subiti. Il loro commento: ”Finalmente giustizia è stata fatta”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da