23032019Headline:

Ruba un cellulare ai giardinetti, inseguito e bloccato da un passante

Il 30enne è stato poi arrestato dagli uomini della polizia, ieri la direttissima

Davanti al giudice ieri mattina, avrebbe detto di averlo trovato a terra. E di essersi addirittura informato – senza successo – su chi fosse il proprietario di quel cellulare caduto e lasciato incustodito. Eppure l’uomo che lo ha visto e inseguito, sarebbe pronto a giurare il contrario: quel ragazzo, un algerino di 30 anni, avrebbe rubato il cellulare ad una signora che, sabato mattina, stava passeggiando nei giardinetti di fronte all’istituto tecnico Leonardo da Vinci e poi si sarebbe dato alla fuga.

Peccato non aver fatto i conti con la reazione immediata e veloce di un passante, che, senza pensarci troppo, si sarebbe lanciato all’inseguimento del ragazzo e lo avrebbe bloccato, chiamando nel frattempo il 113 con il proprio cellulare. All’arrivo della volante della polizia, il ragazzo era fermo, immobile: è stato arrestato con l’accusa di rapina poi riformulata in furto.

Ieri mattina il processo con rito direttissimo di fronte al giudice Giacomo Autizi: dopo la convalida dell’arresto, per il 30enne difeso dall’avvocato Luigi Mancini, non è stata disposta alcuna misura cautelare.

È libero, ma dovrà tornare in aula a metà gennaio del prossimo anno.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da