18062019Headline:

Gli appassionati di gioco in Italia: uno sguardo dettagliato agli amanti del settore

gioco azzardoGioco d’azzardo in Italia, un fenomeno molto diffuso sul quale sono stati pubblicati diversi report, tra cui quello dell’istituto di fisiologia di Pisa, dove sarebbero emersi i numeri del 2017 raccolti da IPSAD ed ESPAD.
Lo studio
Lo studio metteva in evidenza come, in 12 mesi, il 42,8% dei consumatori con età compresa tra i 15 e i 64 anni avesse aderito almeno una volta ad un gioco a premi oppure effettuato una scommessa sull’esito di un evento sportivo.
Nell’ultimo decennio, la crescita dei giocatori è aumentata significativamente, passando dai 14 milioni del 2014 ai 17 del 2017, di cui 1,4 milioni del campione si è dilettato ai giochi offerti dalle piattaforme online.

Chi sono i leader del comparto?
Sebbene, guardando il dettaglio, emerge che le scommesse sportive abbiano subito una crescita del 10%, a trainare il segmento sono il Gratta&Vinci (74% di chi gioca), il Lotto e il Superenalotto, prediletto da oltre la metà degli appassionati.

Gioco d’azzardo in Italia: si parla sempre di più di ludopatia
Quando si parla di azzardo in Italia, l’argomento attualmente più dibattuto, che possiamo trovare sulla bocca dei più è quello legato al fenomeno della ludopatia. Se, da un lato, il mondo dell’azzardo rappresenta una fonte di ricchezza per lo Stato italiano, dall’altro bisogna considerarne anche le criticità, ad esempio la dipendenza da gioco. Nell’ottica della riduzione del fenomeno, i governi hanno adottato severi provvedimenti e promosso specifiche iniziative contro la dipendenza da gioco, che sono sfociate con l’entrata in vigore del Decreto Dignità, il quale non manca di sollevare critiche, specialmente da parte delle società sportive e degli operatori del settore.
Ma un atteggiamento problematico verso il gioco è strettamente connesso alla percezione che ognuno ha del gioco stesso?
É interessante soffermarsi sulla percezione che i giocatori hanno del gioco: il 39,1% dei consumatori crede che il gioco aiuti a migliorare concretamente la propria condizione economico/finanziaria, mentre tra i più giovani c’è chi è convinto che l’esito delle giocate basate su giochi di fortuna possa essere influenzato dalle abilità personali.
– Gli operatori italiani di casinò games in possesso di una regolare concessione ADM hanno promosso sui propri siti un approccio responsabile e moderato al gioco, mettendo a disposizione degli utenti degli strumenti volti a comprendere meglio il proprio rapporto con il gioco. Questo ha
generato una maggiore consapevolezza tra i giovani, tanto che, oggi, solo uno studente su dieci ignora il divieto di accedere ai siti d’azzardo prima della maggiore età.
Molto più basso è invece il livello di controllo dell’azzardo minorile nelle sale da gioco fisiche, dove solo un giovane su quattro incontra un impedimento concreto nell’effettuare una scommessa.

Con l’aumento dell’azzardo aumenta anche la ludopatia?
La risposta è si, la crescita del numero dei giocatori problematici è direttamente proporzionale all’aumento complessivo delle offerte di gioco, che oggi comprendono qualsivoglia tipologia o formula di gioco. Nel quadriennio compreso tra il 2010 e il 2014, il fenomeno della ludopatia risulta in aumento del 2,4% del totale (da 100mila soggetti nel 2010 a 400mila nel 2014).
Mediamente, i giocatori nostrani non spendono mai più di 10 euro al mese in giocate, mentre i soggetti più problematici effettuano una spesa inferiore ai 50 euro mensili. Il 14,9 % della popolazione spende in giocate cifre anche superiori ai 200 euro.

Gli strumenti a tutela degli utenti
Per inibire sia il gioco illegale sia quello minorile, l’ADM ha favorito lo sviluppo di strumenti online che aiutino l’utente ad autolimitarsi. Per tutti, ma in particolare per i soggetti con un’inclinazione particolare alla dipendenza, la possibilità di fruire di un’opzione che consente di impostare un tetto massimo di spesa settimanale o mensile è un aspetto molto importante. Lo strumento in questione, nega al giocatore la possibilità di effettuare nuove scommesse e/o versamenti, nel momento in cui si supera la soglia di sicurezza impostata.
– Nelle piattaforme di gioco degli operatori più seri e affidabili, l’utente può reperire tutte le indicazioni utili per un approccio sano e consapevole ai giochi da casinò, come la buona norma di evitare di perseverare nelle giocate per rifarsi delle perdite.
– Tra le misure anti-ludopatia introdotte mediante il Decreto Dignità c’è anche una sezione riguardante il controllo degli apparecchi di gioco, come le slot poste all’interno delle sale da gioco fisiche, che dovranno essere dotate di un sistema di verifica della maggiore età mediante un lettore di tessera sanitaria o carta di identità.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da