22112019Headline:

Maltrattamenti all’asilo di Monterosi, assolta la preside Pieragostini

Accolta la richiesta della Procura, il difensore: ''Non sapeva nulla''

Maltrattamenti all’asilo di Monterosi, assolta la preside dell’istituto Anna Grazia Pieragostini.

Accusata dalla Procura di non aver fatto nulla per impedire che una sua dipendente, la maestra Caterina Dezi, malmenasse e umiliasse i piccoli studenti del comprensorio, era finita a processo nel 2014. Ieri, dopo oltre cinque anni dal suo rinvio a giudizio, è arrivata per lei l’assoluzione.

”La donna ha fatto tutto quello che le era possibile fare per arginare e monitorare i comportamenti della Dezi, ritenuti violenti e illeciti da alcuni genitori – ha spiegato il suo difensore, l’avvocato Luigi Sini – ha predisposto maggiori ore di comprensenza tra maestre, di modo che non rimanesse da sola. Ha chiesto a colleghe e personale parascolastico di riferirle qualsiasi tipo di anomalia. Ha ascoltato le preoccupazioni dei genitori e partecipato a riunioni con le classi. Dopo un primo momento di agitazione, non ha ricevuto più segnalazioni. Logico che pensasse che la situazione fosse rientrata”.

E la situazione, che i genitori dei piccolini sono venuti a raccontare in aula nel corso delle numerose udienze, era la stessa che le telecamere dei carabinieri per giorni hanno ripreso: strattoni, urla e schiaffi ai bambini della sezione B dell’asilo di Monterosi per cui la Dezi, facendosi carico di ogni responsabilità dopo l’arresto in flagranza, ha patteggiato una pena a due anni di arresto.

”Avevano paura di andare a scuola, tornavano a casa con graffi e segni rossi su tutto il corpo” hanno riferito i genitori, parti civili rappresentate dall’avvocato Giovanni Labate. Segni evidenti dei maltrattamenti subìti dalla maestra Dezi, ma di cui la preside non avrebbe potuto sapere niente prima dell’intervento dei carabinieri e dell’installazione delle telecamere: da qui la sentenza di assoluzione pronunciata dal giudice Silvia Mattei.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da