28012020Headline:

Alluvione a Orte, strada in salita per l’ex sindaco Dino Primieri

La procura chiede l'archiviazione, le persone offese si oppongono: il gup si riserva. L'esondazione del Tevere causò circa 4 milioni di danni

di Barbara Bianchi

ORTE – Non avrebbe attivato alcun piano di emergenza. Ma soprattutto non avrebbe dato ai suoi concittadini l’allarme dell’arrivo della piena, che, nel novembre del 2012, causò a Orte oltre 4 milioni di euro di danni e la morte di migliaia di animali. Per questo l’ex sindaco Dino Primieri ora si trova davanti al giudice per le udienze preliminari, Francesco Rigato.

Sporta inizialmente contro ignoti, la denuncia presentata cinque anni fa dai danneggiati dall’esondazione del Tevere è oggi totalmente a suo carico: secondo quanto evidenziato dalle persone offese, se il sindaco avesse dato per tempo l’allarme sull’arrivo del maltempo e della piena e avesse disposto un piano di evacuazione, i cittadini avrebbero potuto organizzarsi e mettere in salvo averi e bestiame. Invece così non sarebbe stato.

Ad indicare Primieri come possibile responsabile di quel disastro ambientale, nel 2014, fu l’allora pubblico ministero Enzo Petroselli a cui subentrò nei mesi successivi la collega Chiara Capezzuto. E proprio dalla procura che nel 2017 arrivò la richiesta di archiviazione della denuncia sporta a carico dell’ex primo cittadino del Comune di Orte. A cui ora si oppongono le vittime dell’esondazione.

”L’opposizione alla richiesta di archiviazione della Procura appare del tutto infondata – spiega il difensore – ci sono documenti e testimoni che confermano come sia stato fatto tutto il necessario. Primieri dalle prime luci dell’alba di quell’11 novembre del 2012 era in strada. Era presente fisicamente, assieme ai volontari della protezione civile e ai carabinieri, per dare il proprio contributo al territorio”.

In merito all’archiviazione o all’opposizione nessuna decisione da parte del giudice: bisognerà attendere alcune settimane per lo scioglimento della riserva.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da