24042019Headline:

Le beccano la droga a casa per colpa del gatto

I carabinieri sotto il divano avrebbero trovato 367 grammi di hashish. Coppia nei guai: lui già condannato, lei ancora a processo

di Barbara Bianchi

VITERBO – Sarebbe stata tutta colpa del gatto se sotto il divano dell’appartamento in via Vico Squarano, i carabinieri avrebbero trovato oltre 360 grammi di hashish divisi in panetti. È proprio in quella stanza, infatti, che il felino avrebbe dovuto essere chiuso per non dare fastidio agli uomini dell’arma durante la perquisizione. Proprio quella stanza che la padrona di casa, A.C. si sarebbe affrettata a chiudere a chiave per non far entrare nessuno.

”E’ lì che ci siamo insospettiti – ha spiegato in aula, davanti al giudice Gaetano Mautone, il maresciallo Valerio Rutigliano – e così siamo entrati: passato al setaccio ogni angolo del locale, sotto il divano abbiamo trovato la droga”.

Una sostanza stupefacente, da cui la coppia, finita a processo separatamente, avrebbe potuto ricavare circa 660 dosi da mettere in commercio, e che si sarebbe aggiunta ai cinque bilancini trovati su un mobile della camera da letto e posti sotto sequestro.

A far scattare la perquisizione a casa della donna, il 6 luglio scorso, l’arresto del compagno di fronte al Sert: ”Sapevamo che G.G. aveva iniziato un’attività di spaccio di fronte ai locali di viale Romiti – ha proseguito il maresciallo – abbiamo aspettato che arrivasse un suo acquirente e lo abbiamo fermato: lui aveva addosso i soldi della vendita e l’altro, nel portafogli, la dose di hashish”.

Già condannato dal giudice Giacomo Autizi a un anno e mezzo di reclusione e al pagamento di 4400 euro di multa, l’uomo ora si trova in libertà, mentre per la donna è ancora in corso il processo.

Si tornerà in aula a metà maggio per acquisire la perizia tossicologica sulla sostanza stupefacente e poi per la sentenza.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da