12112019Headline:

Emoticons per ordinare la dose di cocaina, interrogato il 32enne

Chiesti gli arresti domiciliari, lui si difende: ''Tutto per uso personale''

Emoticons per ordinare la cocaina: sarebbe bastato il disegnino di una mano aperta per accaparrarsene cinque grammi. Uno spaccio 2.0, quello smascherato dai carabinieri del Norm della compagnia di Viterbo nell’ambito dell’operazione ‘’Movimento’’.

Ieri mattina è stato interrogato il pusher albanese finito in manette nella notte tra venerdì e sabato scorsi nel centralissimo bar Blitz di via della Sapienza: secondo quanto ricostruito dagli inquirenti sarebbe stato il fornitore dei principali spacciatori e assuntori della città. Ma lui, assistito dal suo legale Remigio Sicilia, si difende: ”Tutto per uso personale”. Respingendo in blocco, dunque, tutte le accuse che il pm Massimiliano Siddi gli muove di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Ad incastrarlo lunghe e articolate indagini che hanno preso il via dopo una serie di arresti per droga nell’estate scorsa: dietro a tutti gli aspetti logistici di ordine, scambio e consegna ci sarebbe il 32enne, residente nel centro storico, che avrebbe gestito la sua attività attraverso un’app di messaggistica che permette di cancellare gli sms dopo appena tre secondi dall’invio e dalla ricezione, facendone perdere ogni traccia.

In carcere da quattro giorni, ieri mattina è comparso di fronte al gip Rita Cialoni, per lui la difesa ha presentato un’istanza per ottenere gli arresti domiciliari.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da