12112019Headline:

I dipendenti del Comune di Corchiano in sciopero

I lavoratori rivendicano il pagamento del salario accessorio relativo agli anni 2016, 2017 e parte 2018

Riceviamo e pubblichiamo da FP Cgil Viterbo

CORCHIANO – ”Siamo stati costretti a fare questa scelta a fronte dell’assenza di risposte da parte dell’amministrazione comunale alle legittime richieste dei lavoratori e delle lavoratrici e delle loro rappresentanze sindacali.

Noi crediamo che i cittadini e le cittadine del Comune abbiano il diritto ad avere servizi efficienti ed un’amministrazione organizzata in modo da rispondere alle esigenze di tutti e tutte.

E’ da luglio 2018 che le Organizzazioni Sindacali pongono precise richieste al Comune, che si sostanziano nella riorganizzazione della macchina burocratica e nel pagamento al personale del salario accessorio relativo agli anni 2016, 2017 e parte 2018.

Queste somme, dovute ai dipendenti, non sono state pagate a causa della confusione in cui versa il Comune, che non ha reso possibile l’impegno dei fondi destinati unicamente per il personale.

Si tenga presente che il salario accessorio per un dipendente comunale è una parte importante dello stipendio, questi lavoratori e queste lavoratrici sono già provati da lunghi anni di mancato rinnovo del Contratto Nazionale e, a questo, hanno visto aggiungersi il mancato pagamento del salario accessorio.

Un esempio significativo della situazione è quello del personale che viene richiamato in servizio, nei festivi o nei giorni di riposo, per motivi di emergenza, personale che non ha la certezza del pagamento del servizio.

Abbiamo fatto numerosi incontri con l’amministrazione comunale, siamo stati anche ricevuti dal Prefetto per sollecitare soluzioni, ma abbiamo avuto risposte parziali o impegni presi ai quali non è stato dato corso.

Da ultimo l’amministrazione comunale, pur convocando regolarmente la nostra organizzazione sindacale territoriale, continua a non convocare e informare la nostra legittima rappresentanza all’interno del Comune, un sindacalista che chiede diritti e salario può essere scomodo, ma la le nostre leggi e la nostra Costituzione prevedono che vadano convocati i legittimi rappresentanti dei lavoratori e delle lavoratrici.

La nostra dichiarazione di Sciopero per venerdì 10 maggio ha prodotto, in extremis, una convocazione da parte del Comune per giovedì 9 maggio, noi andremo all’incontro e chiederemo quello che da mesi stiamo chiedendo: servizi efficienti e salario accessorio pagato regolarmente, se non ci saranno risposte in questo senso ci vedremo a confermare la giornata di Sciopero”.

LUCIANO PERA’  ANTONELLA AMBROSINI  ANTONIO AMANTINI

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da