13042021Headline:

Picchia la figlia e i vicini intervenuti per calmarlo condannato

L'uomo gli avrebbe anche sputato in faccia: ''Era completamente ubriaco''

Picchia la figlia piccola con un bastone e poi aggredisce anche i due vicini di casa intervenuti per calmarlo, condannato a 6 mesi e 15 giorni di carcere.

A dare l’allarme di quanto stava accadendo all’interno di quell’appartamento la stessa bambina, corsa fuori casa alla disperata ricerca di aiuto.

”E’ andata da una vicina urlando e piangendo alla porta – ha riferito in aula una delle due parti offese, agente di polizia – continuava a ripetere che suo padre aveva bevuto e la stava picchiando con un bastone. Sono intervenuto perchè la sentivo gridare”.

”Una volta raggiunto il padre della piccola, quest’ultimo si sarebbe scagliato anche contro di me – ha proseguito – mi ha insultato, sputato in faccia e colpito con un calcio. ”Io faccio quello che cazzo mi pare” continuava a ripetermi”.

Chiamata in ausilio una pattuglia dei carabinieri, l’uomo sarebbe stato arrestato per lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. Ieri davanti al giudice Giacomo Autizi la condanna: 6 mesi e 15 giorni a fronte dei 9 chiesti dall’accusa.

”Chiunque cercasse di fermarlo e portarlo alla calma veniva aggredito. Era completamente ubriaco” ha concluso il secondo vicino di casa.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da