20082019Headline:

”Periferie sicure”, controlli anche nella Tuscia

Da inizio anno numerosi gli interventi e le attività straordinarie

Proseguono le attività di controllo straordinario attivate con l’operazione ”Periferie sicure” fortemente voluta dal Ministero dell’Interno. Oltre alla Tuscia, sono diverse le province interessate dal provvedimento in tutta Italia: tra queste troviamo Agrigento, Aosta, Arezzo, Bari, Bologna, Gorizia, Lecce, Lecco, Lucca, Nuoro, Pescara, Siracusa, Trento, Venezia, Vercelli, Verona, Vibo Valentia.

L’operazione, inaugurato lo scorso anno, è proseguita anche nei primi mesi del 2019, contando su un impiego sempre maggiore di forze. Secondo i dati presentati dal Viminale infatti, sono ben 7 mila le unità di agenti di polizia e polizia locale utilizzate durante il servizio straordinario.

Ma non si tratta solo di questo, visto che il bilancio complessivo di questo progetto riporta 26.654 controlli su persone, 271 denunce e 70 arresti, 15.396 veicoli esaminati ai posti di blocco, 146 mezzi sequestrati, 1.592 verifiche su esercizi pubblici e 6,3 chili di droga sequestrati.

Periferie sicure prevede una prima settimana di controlli straordinari anti-droga, e in seguito attività concentrate sui luoghi della movida e contro l’abusivismo commerciale. L’intera operazione è controllata dai Prefetti a livello locale e dalla Direzione Centrale della Polizia criminale. Inoltre, di recente il Viminale ha annunciato l’arrivo di rinforzi per polizia e carabinieri, facendo partire una sorta di campagna di potenziamento delle forze dell’ordine che, da qui al 2023, porterà in servizio nuovi agenti nella Tuscia.

Non abbassiamo la guardia e puntiamo a fare sempre di più e sempre meglio – afferma il ministro dell’Interno Matteo Salvini -. I risultati dopo un anno di governo sono soddisfacenti: calano i resti e abbiamo iniziato a concretizzare il piano di assunzioni tra le Forze dell’Ordine che rafforzerà tutte le questure italiane. Entro la prossima primavera arriveranno quasi 3mila poliziotti, ed è solo l’inizio”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da