17082019Headline:

Sistemi di controllo delle funi degli ascensori: la tecnica magneto-induttiva

La manutenzione degli ascensori è un’azione importante che il proprietario dell’immobile, o il suo legale rappresentante, deve effettuare con frequenza per garantire la sicurezza dell’impianto. Per legge, la manutenzione deve essere effettuata almeno ogni sei mesi da persona munita di certificato di abilitazione, oppure da una ditta specializzata come noi di Alfa Elevatori.

Da norma, una volta che gli impianti sono messi in esercizio vengono sottoposti a verifiche periodiche, con cadenza biennale, da parte di ingegneri specializzati ed abilitati il cui compito è quello di verificare che le condizioni di sicurezza presenti al collaudo, con eventuali integrazioni, non siano cambiate.

Invece, con la manutenzione semestrale il manutentore controllerà le varie componenti di sicurezza dell’impianto, verificando il regolare funzionamento dei dispositivi meccanici, tra cui lo stato di conservazione delle funi. Eseguire una corretta manutenzione alle varie componenti dell’ascensore è quindi fondamentale per garantire la sicurezza dei suoi passeggeri e dei valori trasportati.

Per questo è sempre consigliabile effettuare, oltre alle manutenzioni previste per legge, dei controlli aggiuntivi per essere certi il più possibile che l’impianto non si fermi a causa di problemi non preventivati.

Tra le varie componenti dell’ascensore, ci sono le funi metalliche che sono formate da fili di acciaio raggruppati in trefoli, a loro volta intrecciati per dare vita alla fune. Queste sono alla base del funzionamento degli ascensori e dei montacarichi, sia per uso civile che per uso industriale. Il controllo di queste funi, è previsto dal D.P.R 1497, che ne sancisce il regolare controllo e la sostituzione in caso di usura o di fili rotti in modo irreparabile.

Alfa Elevatori tra i suoi servizi, può anche offrire un metodo di controllo delle funi più cautelativo rispetto a quello indicato dalle Norme Vigenti, che come abbiamo visto, richiedono solo la verifica esterna dei fili d’acciaio, avendo la possibilità di controllare anche i fili interni che possono rompersi per frizione o usurarsi per corrosione. Per fare ciò, utilizza il metodo Magneto-Induttivo studiato e realizzato da AMControl in collaborazione con il Politecnico di Torino.

Come migliora la sicurezza con il controllo Magneto Induttivo
Come abbiamo visto, per riuscire ad effettuare un’analisi completa sullo stato della salute delle funi è opportuno non solo controllare il loro aspetto esterno, ma anche quello interno.

La tecnica magneto induttiva consente di effettuare il controllo sulla totalità delle funi metalliche, per riuscire a prevenire eventuali incidenti che minano alla sicurezza del valore trasportato. Questo è un sistema molto utile alle aziende che operano nel settore perché si può agire in maniera repentina sulle funi senza trascurare eventuali usure interne.
Per visionare anche le condizioni interne è necessario utilizzare un sistema di verifica non distruttivo, e grazie a questa tecnica innovativa è possibile verificare lo stato delle funi senza correre il rischio di rovinarle.

Ma il sistema magneto induttivo come funziona?
Questa tecnica è stata utilizzata inizialmente per verificare lo stato di salute delle funi delle funivie, consiste in pratica nella misura di un flusso magnetico che permette di constatare attraverso dei test la presenza di interruzioni interne. Il sistema di controllo, acquisisce il segnale per poi digitalizzarlo attraverso opportuni software che permettono la visualizzazione di questi dati in maniera corretta.
Per riuscire a capire in cosa consiste il risultato del test, si immagini un elettrocardiogramma che riporta graficamente il ritmo e l’attività del cuore, permettendo al dottore di individuare le alterazioni nel battito cardiaco.

Il report finale del controllo magneto induttivo assomiglia molto all’elettrocardiogramma. Infatti, attraverso le induzioni magnetiche inviate all’interno della fune, è possibile registrare eventuali problemi presenti, legati sempre all’usura o alle malformazioni dei fili interni. In questi casi, nel grafico prodotto, si potranno osservare delle oscillazioni presenti sul tracciato che aiuteranno il tecnico ad intervenire prontamente sul tratto di fune danneggiato.

Il report prodotto al termine dei controlli, è un vero e proprio elaborato tecnico firmato dal personale abilitato alla lettura dello stesso, dimostrando che la presenza dei fili rotti sia appurata da figure professionalmente competenti.

ascensore operaio venusiaIl sistema di monitoraggio magneto induttivo è applicabile a tutti gli impianti elettrici dotati di funi metalliche, raggiungendo così un livello di controllo qualitativo dei fili d’acciaio paragonabile agli ultimi sistemi di trazione, che utilizzano le cinghie di sospensione per la movimentazione della cabina, in cui i trefoli sono all’interno di una struttura in poliuretano che li protegge da usura e corrosione. La loro integrità può essere costantemente monitorata da un sistema in remoto per garantire sempre la sicurezza e l’efficienza dell’impianto. Noi di Alfa Elevatori possiamo offrire entrambe le soluzioni a vantaggio dell’utente.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da