17102019Headline:

”Non esistono situazioni di pericolo tali da giustificare la chiusura della cattedrale”

Crepe sui muri e parti pericolanti nel duomo, interviene la diocesi di Viterbo

Riceviamo e pubblichiamo dalla Diocesi di Viterbo

VITERBO – In relazione all’articolo apparso ieri circa l’ipotetica presenza di “crepe sui muri e parti pericolanti nel duomo di Viterbo”, si ritiene opportuno fornire qualche elemento di chiarezza innanzitutto per evitare allarmismi o immotivati timori.

La cattedrale di San Lorenzo fa parte del grande complesso monumentale che comprende, oltre alla cattedrale, anche il seminario, il museo, la Curia Vescovile ed il Palazzo Papale. È un insieme di edifici che si è formato nel corso degli anni ma la cui maggior parte risale alla seconda metà del XIII° secolo.

Nell’articolo si fa riferimento in particolare alle quattro “fiaccole” in peperino che si trovano sulla facciata ricostruita dal card. De Gambara nel 1570. Si tratta di elementi lapidei in peperino ancorati al basamento tramite perno metallico interno. Di queste, quella in basso sulla destra della facciata, appare con asse verticale deviato ma questa posizione è tale da oltre sessanta anni, come verificato da vecchie immagini fotografiche. Per fugare ogni ulteriore dubbio le fiaccole sono state verificate direttamente in occasione della periodica revisione del manto di copertura che avviene ordinariamente ogni due/tre anni.

Si fa inoltre generico riferimento a “crepe nei muri” che effettivamente esistono nella cattedrale, come in molti, se non in tutti gli edifici storici. Nella cattedrale alcune di queste crepe sono state provocate dai recenti sismi che hanno avuto per epicentro le cittadine di Amatrice e Norcia e a motivo di ciò l’edificio è sotto il monitoraggio sia dell’Ufficio Tecnico della Curia Vescovile che della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, ma al momento non risultano evidenti situazioni di pericolo tali da giustificare la chiusura dell’edificio.

Viceversa problemi ben più complessi coinvolgono il famoso loggiato del Palazzo Papale, immagine stessa di Viterbo, che presenta uno stato di conservazione molto compromesso e per la valutazione del quale sono state da tempo avviate indagini approfondite che dovrebbero concludersi a breve. Dai primi esisti appare una grave compromissione degli elementi lapidei che si stanno sfaldando e quindi la necessità di intervenire nei termini che emergeranno dalle indagini in corso.

E’ comunque opportuno effettuare una riflessione generale sugli edifici storici che sono di per se organismi fragili e suscettibili di lesioni, in particolar modo quando sottoposti a vibrazioni di tipo sismico o sonoro. Queste sollecitazioni spesso producono crolli (vedi i terremoti), ma ben più spesso producono danni latenti, non immediatamente visibili e quantificabili, che provocano distacchi di affreschi o di pellicole pittoriche nei quadri (come non pensare alle importanti opere d’arte conservate in cattedrale e nel museo), oppure distacchi nei collegamenti tra elementi lapidei.

Proprio per questa fragilità è opportuno accostarsi ai nostri monumenti più preziosi con delicatezza e, nello specifico, valutare e, se opportuno, limitare ogni gratuita sollecitazione in danno agli stessi.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da