22102019Headline:

Radon nella scuola, Micci: ”L’istituto può riaprire”

Durante l'estate sono stati eseguiti gli interventi per la messa in sicurezza

E’ stata messa in sicurezza durante la chiusura estiva la scuola di Via Marche, a San Martino al Cimino, nel quale gli elevati valori di radon registrati all’interno alle aule del  piano interrato, avevano causato la chiusura di due classi, dei laboratori ed anche della mensa.

A giugno, dopo essere stati informati sulla presenza del gas, la scuola era immediatamente intervenuta spostando quarantacinque bambini dell’asilo nido che si trovavano proprio nel seminterrato coinvolto. La situazione ha ovviamente allarmato i genitori dei piccoli, che nei giorni successivi al provvedimento hanno partecipato ad una riunione per fare chiarezza sulla questione.

Come annunciato dopo l’incontro con le famiglie a giugno, le attività per la messa in sicurezza della scuola sono state eseguiti durante l’estate – ha spiegato l’assessore Micci -. E’ infatti intervenuta Arpa Lazio che ha iniziato ad effettuare tutte le sue misurazioni. Ma nell’attesa di ottenere dei risultati più certi, in collaborazione con la scuola ci siamo mossi per fare gli spostamenti e portare le aule ai piani superiori ed adeguare la mensa a tutte le normative vigenti”.

Intanto comunque, per tutto l’anno – quindi fino a giugno del 2020 – nell’istituto proseguiranno le rilevazioni richieste ad Arpa Lazio. Come previsto in questi casi infatti, l’agenzia regionale per la protezione ambientale si occuperà di fare ogni tre mesi dei test sulla presenza del radon, fornendo di volta in volta dei risultati che – seppur parziali –  potranno essere utili per conoscere le dimensioni del fenomeno.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da