27022020Headline:

Scassinatori nel weekend e spacciatori il resto della settimana

Una della vittime: ''Era aperta in quattro''

Devono rispondere di furto aggravato e spaccio a minori gli undici imputati finiti di fronte al collegio presieduto dal giudice Gaetano Mautone.

Quattro viterbesi e sette stranieri, finiti in manette all’alba del 17 maggio 2015 quando scattò il blitz dei carabinieri a conclusione della lunga e articolata operazione Fai da Te. Secondo l’accusa, gli imputati avrebbero fatto parte di una presunta banda che scassinava i self service dei distributori nei weekend e spacciava fuori scuola gli altri giorni della settimana.

A parlare ieri in aula due vittime del gruppo.

”Era il 16 maggio del 2014. Avevo chiuso il distributore di benzina da pochi minuti ed ero appena tornato a casa quando ho ricevuto la chiamata della vigilanza: avevo subito un furto – ha spiegato al tribunale uno dei dipendenti di una stazione di servizio di Montefiascone – sono andato immediatamente a vedere cosa fosse successo. Qualcuno aveva manomesso i quadri elettrici e con un frullino aveva letteralmente aperto in quattro la colonnina del self service. Quella volta non riuscirono a portare via soldi, ma in altri episodi si”.

Stessa sorte per una dei due soci di un distributore sulla via Cassia, poco distante da Vetralla. ”La mattina del 3 dicembre del 2014 quando sono andata al lavoro, ho trovato tutti i fili della corrente a terra e la colonnina del self service parzialmente danneggiata e aperta da un frullino”.

Con lo stesso metodo, la banda, a cavallo tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, avrebbe colpito decine e decine di distributori, facendo razzia dei contanti ritrovati nelle casse del ‘’Fai da te’’. Il covo era un magazzino nelle campagne tra Viterbo e Montefiascone. Lì i banditi avrebbero nascosto gli arnesi da scasso e le parrucche per sfuggire alla videosorveglianza. E in quello stesso locale, avrebbero diviso il bottino e prima di ogni colpo si sarebbero drogati.

Si tornerà in aula il 15 luglio per sentire altri testimoni dell’accusa.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da