02042020Headline:

Ex Terme Inps, due project financing da 21 e 35 milioni

Due project financing di iniziativa privata per il rilancio

Due project financing di iniziativa privata per il rilancio delle ex Terme Inps sono al vaglio dell’Amministrazione comunale: il primo prevede un investimento di 21 milioni di euro, l’altro da 35. Entrambi sono stati proposti da un’importante catena alberghiera internazionale. Lo ha annunciato l’assessore Enrico Contardo. Ma Alvaro Ricci, smorza già gli entusiasmi: ”Prima di tutto va cambiato il piano di rilancio approvato dal Comune di Viterbo nel 2001 e dalla Regione, con una apposita legge”, spiega il consigliere Pd.

L’argomento è stato al centro del consiglio comunale di questa mattina. ”Mi fa piacere registrare che ci sia l’interesse di privati sulla struttura in Strada Bagni. Ma vorrei capire: sulla scorta di quali linee di indirizzo questa grande società avrebbe presentato un project financing al Comune? Prima di arrivare a questo punto va modificato il piano di rilancio approvato dal Comune nel 2001 e relativa legge regionale”.

Secondo i progetti dell’epoca le Terme Inps si dovevano trasformare in una struttura dove la parte ”sanitaria” sarebbe stata predominante rispetto a quella ricettiva. Oggi invece è l’esatto contrario, la parte ambulatoriale e medica è praticamente assente. Il piano elaborato dall’advisor (Federteme) prevede albergo a cinque stelle, spa e centro di formazione per addetti del settore.

Ma non finisce qui: ”Il progetto – ricorda sempre Ricci – è stato presentato solo in Commissione e non è ancora stato analizzato dal consiglio comunale”. Insomma, manca ancora l’ultimo passaggio ufficiale per procedere oltre.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da