30032020Headline:

Coloratissime e fatte a mano, ”Le mie mascherine per combattere l’emergenza”

''L'idea di poter salvare anche una sola persona dal contagio mi spinge a lavorarci giorno e notte''

”Cerco di realizzarne il più possibile. L’idea di poter salvare anche una sola persona dal contagio, mi spinge a lavorarci giorno e notte”.

Parola di Antonietta Mechelli, una giovane viterbese, amante degli animali, che da giorni lavora incessantemente con ago e filo, per creare mascherine da donare in beneficenza a sostegno dell’ospedale di Belcolle.

”Data la carenza e la difficoltà di reperire i dispositivi di protezione, ho deciso di mettermi all’opera, per cercare di fare qualcosa di buono”.

E così, due strati di cotone e uno di tessuto per mascherine chirurgiche, per creare uno scudo con cui difendersi il più possibile dall’emergenza. Uno ”scudo” coloratissimo, fatto a mano e, come sottolinea Antonietta, ”lavabile e riutilizzabile”. ”Una bella passata di ferro contribuisce alla disinfezione” aggiunge.

”Non le realizzo per bambini, perché loro non devono uscire mai. Ma per chi ha reale necessità di spostarsi e non riesce a trovarle da nessuna parte”.

In quattro giorni, sono state circa 70 le mascherine cucite. ”Un pacco è in partenza proprio in queste ore per Roma: mi sono state richieste da una famiglia di infermieri. Per loro e qualche altro collega. Mi sento in dovere di dare la precedenza ai lavoratori: come mio fratello, autista di autobus a Roma. La prima l’ho creata per lui”.

Poi l’idea e la consapevolezza di poter aiutare ancora più persone. ”Ho contattato un fornitore dal quale ho ordinato il tessuto e vari metri di cotone: non appena mi è arrivato il materiale, mi sono messa all’opera”.

”Non accetto denaro – spiega – la miglior ricompensa per me è immaginare che possano essere utili anche per evitare un solo contagio. Se qualcuno vuole fare una piccola donazione, però, può farla: tutti i soldi raccolti andranno all’associazione ”Aiutiamo i bambini di Belcolle””.

Tantissimi i messaggi di apprezzamento pubblicati su Facebook sotto il suo post, nel quale Antonietta sottolinea di come le mascherine ovviamente non abbiano la certificazione sanitaria: ”Sei una donna con una marcia in più” scrive Serena. Paolo prosegue: ”Onorato di essere tuo amico”.

E’ possibile effettuare un bonifico al seguente Iban IT44N0760105138206166406169, Intestato a Mechelli Antonietta, specificando come causale ”Andrà tutto bene”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da