02072020Headline:

A piazza dei Caduti il flash mob degli infermieri

Il responsabile locale del movimento nazionale infermieri, Stefano Severini: ''L'Italia deve ripartire ma non può farlo senza di noi''

Un lancio di palloncini rossi e un minuto di silenzio per onorare i colleghi morti durante la battaglia contro il Covid 19. Questi sono stati i momenti più salienti del flash mob organizzato ieri mattina a piazza dei Caduti dal Movimento Nazionale Infermieri, un’associazione apolitica di operatori del settore nata durante l’emergenza pandemia con lo scopo di tutelare i diritti dei propri membri.

Un centinaio di infermieri scesi in piazza, tutti con un palloncino rosso in mano e sul viso quella che durante questa lunga pandemia è stata l’unica barriera che li separava dal contagio: una mascherina chirurgica.

Indossando il simbolo più forte di questo tragico periodo, uomini e donne hanno onorato la memoria dei colleghi scomparsi: l’ultimo saluto fatto di palloncini rossi che si sono innalzati nel cielo come preghiere.

”Siamo qui per onorare i nostri colleghi morti mentre lavoravano – ha detto il responsabile locale del movimento, Stefano Severini – ma non solo, noi infatti rappresentiamo tutti quegli infermieri che tutti i giorni rischiano la salute e che vivono il reparto quotidianamente, noi non apparteniamo a nessun colore politico, siamo semplicemente infermieri ed oggi siamo scesi in piazza non solo per ricordare i colleghi scomparsi ma anche per rivendicare quelli che sono i nostri diritti, e cioè un riconoscimento adeguato sia a livello sociale che economico, e l’uscita da quel comparto che ci colloca insieme ai tecnici e alle levatrici, vogliamo il riconoscimento di categoria a se stante e un adeguamento salariale al livello europeo”.

”La nostra è una sanità di eccellenza – ha continuato – noi ne siamo fieri, e siamo convinti di essere la spina dorsale di questa eccellenza, chiediamo inoltre che venga abolito il vincolo di esclusività per garantire a noi infermieri la libera professione come per i medici, e poi stop al demansionamento, perché vogliamo essere riconosciuti per ciò che siamo, ovvero infermieri e non dei tuttofare, e poi la stabilizzazione dei precari, lo scorrimento delle graduatorie che sono ferme da tempo immemore, infine – ha concluso Severini – chiediamo di avere un incontro con chi ci governa con dei ministri, sappiamo che l’Italia deve ripartire e non può ripartire senza di noi”.

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da