03122020Headline:

In piazza dei Caduti flash mob del Movimento nazionale infermieri

''Chiediamo il giusto riconoscimento economico e la riforma della struttura della Scienza infermieristica''

Domani, 15 giugno, oltre 36mila infermieri scendono compatti in oltre 30 piazze d’Italia. L’appuntamento a Viterbo è alle ore 10:00 in piazza dei Caduti.

Promotore dell’iniziativa il Movimento nazionale infermieri, un gruppo apartitico e a-sindacalista, che dopo l’emergenza Covid, si mobilita per affontare un’altra emergenza: ”il riconoscimento dei diritti degli infermieri e delle infermiere, una profonda riforma della struttura della Scienza infermieristica e il riallineamento sanitario nazionale ai bisogni del cittadino”.  Spiega Stefano Severini, referente del Movimento nazionale infermieri per Viterbo e provincia: ”’E’ mancato il riconoscimento economico agli operatori sanitari ma ancor di più è mancato e manca un pensiero riformatore per l’ammodernamento culturale di un sistema immobile da decenni”.

Sempre Severini: ”In occasione dell’apertura degli Stati generali dove si progetterà la ripresa dell’economia italiana, molti attori istituzionali, sindacati e associazioni verranno ascoltati e verrà stilato il programma della ripartenza. A gran voce il Movimento nazionale infermieri chiede che vengano incluse le professioni infermieristiche nello strumento Cura Italia. Si attende che oltre alle parole ci siano i fatti, si aspetta che vengano mantenute le promesse e venga seguita la linea di coerenza e coraggio che finora ha contraddistinto questo governo come nelle drastiche scelte durante la pandemia. Auspichiamo che la sanità italiana, i cittadini italiani e gli infermieri non vengano nuovamente traditi e dimenticati. Il programma del Movimento nazionale infermieri propone una profonda e necessaria riforma sia contrattuale che della Scienza infermieristica”.

Di seguito i punti chiave:

1) ”l’uscita dal comparto e stipula del primo contratto esclusivo per l’infermiere, il quale comprenderà altri strumenti fondamentali. Punti chiave come: superamento del vincolo di esclusività, adeguamento dei salari e delle indennità, riconoscimento delle competenze specialistiche, valorizzazione dei percorsi di studi post laurea intrapresi con conseguente lotta al demansionamento, come avviene già in molti paesi dell’Europa;

2) l’adeguamento delle dotazioni organiche attraverso: scorrimento delle graduatorie in essere, abbattimento del precariato, agevolazione delle mobilità; 3) l’equiparazione e omogeneità dei diversi contratti oggi in essere del pubblico e del privato, stesso salario, stessi diritti e stessi doveri per tutti.

3) La soluzione di questi tre punti è imprescindibile per il riconoscimento dell’abnegazione e l’impegno costante del corpo infermieri nelle situazioni più disparate che pongono in prima linea la loro vita per il bene del Pese e dei cittadini tutti. Ne va della loro motivazione,

4) Rinnoviamo la nostra proposta di dialogo con il governo con la XII commissione permanente di camera e senato, con l’intenzione concreta di illustrare le nostre proposte al fine di contribuire con il processo di un cambiamento necessario per il futuro del nostro Paese.

5) Chiediamo ufficialmente, che il Movimento nazionale infermieri attraverso i suoi referenti e portavoce, venga convocato dalle commissioni sopra citate per esporre le proprie istanze durante la fase dei lavori.

6) Ci attendiamo che tale richiesta venga accolta in rispetto della professione infermieristica.

7) Il 15 giugno il centro del flash mob organizzato dal Movimento nazionale infermieri sarà a Roma, in piazza del Popolo; la manifestazione è estesa a tutto il territorio nazionale e in oltre 30 città aderenti. La manifestazione non è sponsorizzata da sigle sindacali, il Movimento nazionale infermieri è un movimento spontaneo e indipendente che si dissocia da sigle sindacali, il Movimento nazionale infermieri è un movimento spontaneo e indipendente che si dissocia da ogni tentativo di associazione o rivendicazione da parte di qualsiasi sigla sindacale partitico o di associazione a tale evento”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da