02072020Headline:

Incapucciato e con le ali bloccate dal nastro isolante

Ennesimo episodio di barbarie contro gli animali: questa volta la vittima è un piccione

Lo hanno ritrovato con un cappuccio in testa, fermato con del nastro isolante che gli bloccava anche le ali, impedendogli non solo di muoversi, ma di volare.

Triste protagonista dell’ennesimo episodio di barbarie umana, un comunissimo piccione, avvistato in un balconcino di una casa probabilmente abbandonata in Via della Marrocca, a Viterbo.

Ad accorgersi del povero volatile agonizzante, un residente della zona, che affacciandosi dalla finestra di casa, avrebbe notato l’inusuale quadretto: il piccione, immobile in mezzo alla sporcizia del piccolo terrazzino, costretto all’immobilità con del nastro isolante.

L’uomo ha immediatamente contattato i vigili del fuoco che, passando attraverso il cortile condominiale, sono riusciti a trarre in salvo l’animale, che ora è stato affidato alle cure e all’affetto di un viterbese specializzato nel recupero e nella salvaguardia di uccelli selvatici.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da