17042021Headline:

Le visite guidate al tempo del Covid: come fare

Effettuare visite guidate e continuare a godere dello sterminato panorama artistico presente nella nostra regione, da Viterbo a tutto quanto il Lazio, partendo ovviamente da Roma. Un momento non propriamente felice il settore turistico nel suo complesso, che da mesi vive sull’orlo del baratro.
Anche ai tempi del Coronavirus il desiderio di visitare nuovi luoghi, spesso anche nei dintorni della propria città, resta vivo: anzi per la verità è stata proprio questa emergenza ad avere fatto scoprire posti meravigliosi che magai non erano mai stati presi in considerazione in quanto nelle vicinanze della propria abitazione.
Vediamo alcuni di questi luoghi, con riferimento ovviamente al Lazio, ed entrando poi nel dettaglio di come effettuare visite guidate sul territorio tenendo conto delle misure restrittive dovute al Coronavirus.

Caprarola, il Borgo mediavale
Nel viterbese ci sono tante città da scoprire e visitare; citiamo tra le tante Caprarola, un delizioso borgo medievale incastonato su uno sperone di tufo. L’attrazione principale della città è data dal Palazzo Farnese che conferisce la forma della pianta urbanistica della città. Nel secolo XVI ’architetto Jacopo Barozzi, il Vignola, tagliò esattamente a metà il borgo così da creare un viale d’ingresso importante per Palazzo Farnese. Oggi quella strada è nota come ‘via dritta’ e l’edificio è uno dei luoghi rappresentativi di Caprarola.

Tivoli e le ville
Altra meraviglia che sorge nella nostra regione, nei dintorni di Roma, Tivoli è nota da secoli per la bellezza delle sue opere architettoniche: in particolare delle sue ville, tre e ciascuna con caratteristiche differenti. Villa Adriana e Villa Gregoriana rientrano tra i siti patrimonio mondiale dell’Unesco, visitarle almeno una volta nella vita può essere un’idea valida. Anche in questo periodo di restrizioni, con visite apposite a Villa Adriana e Villa Gregoriana che tengano conto delle misure per il Covid, come si può leggere su questo sito.

Abbazia di Farfa
Un luogo di pace e tranquillità dove rilassarsi ed entrare a contatto con la natura. l’abbazia di Farfa si trova nel comune di Fara Sabina, provincia di Rieti. È un luogo simbolo del monachesimo italiano ma anche europeo. L’abbazia in questione risale ad un periodo tra il 560 e il 570 d.C ed è passata alla storia per un evento estremamente importante: nel natale dell’800 l’Abbazia vide il passaggio di Carlo Magno. Un motivo in più per visitare questo luogo facilmente raggiungibile sia da Viterbo che da Roma.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da