20092021Headline:

Il Trading Online è una truffa? Abbiamo indagato per saperne di più

Le truffe finanziarie continuano a colpire ignari risparmiatori, aggirati da imbroglioni e vere e proprie organizzazioni criminali. Le strategie utilizzate sono quelle classiche, come schemi Ponzi e falsi siti web di servizi finanziari, tuttavia oggi vengono realizzate in modo sempre più elaborato grazie alle moderne tecnologie digitali.

Ovviamente il trading online non è una truffa, infatti si tratta di un’attività professionale che consente di investire sui mercati in modo autonomo, attraverso piattaforme dedicate per accedere ai mercati e operare su diversi tipi di asset. Ad ogni modo, bisogna prestare molta attenzione al dilagare delle frodi, per evitare di perdere soldi e non essere ingannati da operatori senza scrupoli.

Quali sono le truffe più diffuse nel trading online

Sul tema delle frodi finanziarie un lavoro interessante è quello realizzato dai professionisti del sito Tradingonline.com, da anni impegnati in prima linea nella difesa degli investitori e nella proposta di informazioni di qualità in ambito finanziario. Secondo gli esperti del portale specializzato, infatti, purtroppo i raggiri sono piuttosto frequenti nel settore dei servizi d’investimento online.

Le truffe più sofisticate sono gli schemi piramidali, in cui viene messa in piedi una struttura complessa con vari livelli intermedi, promettendo rendimenti elevati agli investitori e pagando i primi clienti con i soldi dei nuovi arrivati. Questo sistema prevede un flusso continuo di persone all’interno dello schema, altrimenti il meccanismo si arresta e l’inganno viene rivelato causando perdite ingenti per tutti i partecipanti.

Al giorno d’oggi sono in aumento i raggiri online, con i truffatori che utilizzano i social network e il web per estorcere soldi alle persone in cambio della falsa promessa di guadagni elevati, sicuri e veloci. In questo caso possono utilizzare siti web finti e abusivi, profili fake sui social, oppure chiamare le persone segnalando come sia possibile ottenere un profitto importante senza rischi.

Purtroppo, in alcuni casi sono coinvolti anche addetti ai lavori disonesti, i quali attraverso i loro portali o account social suggeriscono di investire con questi operatori illegali, ricevendo una commissione in cambio di ogni nuovo contatto. Per evitarlo è fondamentale usare per informarsi solo siti affidabili come Tradingonline.com, un portale schierato dal 2004 a favore dell’etica e della trasparenza e coinvolto in importanti iniziative a sostegno della legalità.

Come è possibile contrastare il fenomeno delle truffe finanziarie

Le frodi nel trading online rappresentano un problema serio, infatti le vittime delle truffe finanziarie finiscono spesso con il perdere tutti i soldi investiti. Recuperare il capitale è quasi sempre un’impresa impossibile, in quanto queste organizzazioni agiscono in genere da paesi con legislazioni poco trasparenti in materia finanziaria, veicolando i soldi verso conti off-shore per farli sparire in qualche paradiso fiscale.

Da luglio 2019 la Consob è stata investita di nuovi poteri, con i quali può richiedere l’oscuramento dei siti web abusivi, un’azione importante svolta dall’Autorità italiana, considerando che in quasi 20 mesi ha bloccato 405 portali illegali. Tuttavia, l’intervento della Consob arriva spesso dopo le segnalazioni dei cittadini, quando alcune persone sono già state truffate e hanno perso i propri risparmi.

Impedire l’accesso ad altri utenti permette di proteggere gli italiani contro questi truffatori seriali, però bisogna concentrare gli sforzi nella prevenzione, lo strumento più efficace per difendersi dai raggiri. Un’iniziativa che ha riscosso molto apprezzamento è stata l’installazione di uno striscione a San Cesareo contro le truffe del trading online, progetto supportato dai gestori del portale tradingonline.com per sensibilizzare la popolazione locale in merito ai rischi delle frodi finanziarie.

La prevenzione passa sia per la conoscenza dei metodi utilizzati dai truffatori, sia per una corretta informazione sul trading online, con l’obiettivo di essere consapevoli dei rischi e sapere come proteggersi. Naturalmente, ognuno può fare la sua parte in questa battaglia per la legalità, ad esempio segnalando alle autorità comportamenti disonesti e situazioni sospette, per agevolare il lavoro degli enti preposti ai controlli e alle sanzioni contribuendo a una maggiore trasparenza nell’ambiente finanziario.

Quali sono i siti autorevoli per informarsi su investimenti e finanza

Un aspetto importante per proteggersi dalle truffe nel trading online riguarda la scelta di fonti autorevoli, una selezione che deve essere molto accurata per evitare di affidarsi alle persone e alle organizzazioni sbagliate. Oggi le frodi possono essere dovunque, dai canali social come Facebook e Instagram ai siti web presenti su Google, per questo motivo è necessario essere molto selettivi e accorti quando si cercano informazioni finanziarie.

Sul trading una delle migliori proposte è quella offerta dal portale Tradingonline.com, infatti le risorse sono realizzate da veri professionisti del settore, per garantire agli utenti informazioni di qualità e realmente utili per chi vuole cominciare a investire online. Allo stesso tempo, fonti prestigiose sono anche quelle ufficiali, come il sito della Consob e il portale dell’Esma, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati.

Ad ogni modo, quando si cercano informazioni online bisogna sempre verificare la trasparenza del portale, ad esempio controllandone la reputazione e se vengono indicati gli autori dei contenuti, i quali dovrebbero essere sempre esperti in materia finanziaria. Un approccio prudente, senza la ricerca di scorciatoie o di metodi di guadagno facile, consente di minimizzare il rischio di incappare in una truffa, per investire in modo consapevole senza il pericolo di vedersi sottrarre i propri soldi in maniera illegale.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da