21102021Headline:

Nuova sede a Belcolle per psichiatria con 16 posti letto

Sarà costruita vicino al Pronto Soccorso. Importo dei lavori 3,6 milioni di euro

VITERBO – Una nuova sede per il Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (Spdc) da realizzare in un blocco annesso al Pronto Soccorso di Belcolle. La Asl di Viterbo ha già approvatolo studio di fattibilità tecnica ed economica del progetto. Prevede 16 posti letto di degenza così come previsto da un decreto commissariale del 2019. L’importo dei lavori è stato quantificato in crica 3 milioni e 600mila euro. Tutto è stato inviato alla Regione ai fini dell’ammisione ai fondi di finanziamento

”Storicamente – si legge nella relazione tecnica – per ragioni strutturali, segnalate e conosciute in Regione, non si sono mai potuti attivare i 16 posti letto autorizzati. Il Spdc, negli anni, è comunque stato collocato negli spazi ospedalieri possibili al fine di rispondere al bisogno di salute della popolazione, realizzando sempre tutte le infrastrutture di sicurezza necessarie previste. Stante l’assetto epidemiologico della malattia psichiatrica e in presenza di vincoli strutturali, tutt’ora esistenti e recentemente acuiti dall’emergenza Covid, si rende necessario realizzare una nuova struttura connessa al’ospedale di Belcolle”.

Basti ricordare che nel corso della pandemia il servizio è stato prima spostato da Viterbo a Montefiascone, poi a Tarquinia e solo in tempi più recenti è rientrato nella sede storica nella Palazzina D.

Il Dipartimento di Salute della Asl di Viterbo ha in carico circa 5mila pazienti psichiatrici, con un media di 37% circa affetti da patologie gravi. Il tasso di prevalenza è pari a 15,3/1000 residenti con differenze tra i tre distretti che tuttavia non appaiono sostanziali relativamente al peso assistenziale. I ricoveri della Uoc Spdc nel semestre sono circa 210 con una prevalenza del 14% di reingressi. Per quello che attiene al trattamento in Tso si registrano circa 33 casi l’anno. Il tasso di ospedalizzazione standardizzato per malattie psichiche per 100 è pari a 1,2; il tasso di ricovero ripetuto in psichiatria nei trenta giorni è pari a 12,3; il tasso di Tso in relazione alla popolazione residente per mille, è pari a 0,1.

Il Servizio psichiatrico di diagnosi e cura, come detto, sarà collocato all’interno dell’ospedale, sede di dipartimento di emergenza o di pronto soccorso, al piano terra. L’edificio destinato ad accoglierlo verrà costruito con architettura semicircolare all’altezza del III piano del Blocco C. Sono previsti due accessi, dall’interno della struttura del blocco principale dell’ospedale, dedicato prevalentemente a pazienti provenienti da pronto soccorso e accesso diretto alla struttura con percorso esterno. Entrambi gli accessi attesteranno su un locale di accoglienza/accettazione, sito nella parte centrale del nuovo edificio, che dividerà due strutture funzionali e omogenee destinatea due attività. La prima di ricovero e assistenza residenziale, organizzata con otto camere di degenza ha 2 posti letto per stanza, per una dotazione di 16 posti letto. Una infermeria e a disposizione dei pazienti un locale per la consumazione di pasti e per attività di relax.

La seconda attività, invece, di servizi, gestione, attività e assistenza diurna: oltre ad una sala dedicata all’attesa, sono previsti i locali destinati alle attività di programmazione, organizzazione e gestione dell’assistenza destinati al responsabile della Uo, al coordinatore infermieristico e ai medici che opera n servizio.

Per quanto attiene l’attività assistenziale diurna sono previste due stanze dedicate al day hopital, dotate di bagno. Uno spazio è stato dedicato alle attività di riabilitazione e di terapia di gruppo. E’ stato previsto anche un locale destinato ai colloqui individuali con i pazienti nonché alla informazione e formazione di caregiver.

Tenuto conto della peculiarità organizzativa del servizio, che effettua trattamenti sanitari anche obbligatori, è prevista la presenza di ampie aree verdi protette esterne.

”Dal punto di vita organizzativo – conclude la relazione tecnica – la dotazione di personale prevede la presenza sulle 24 ore di psichiatri, infermieri, Oss e la presenza programmata di psicologo e assistente sociale. La dotazione di personale è rapportata alle attività e concordata livello aziendale sulla base delle disposizioni normative regionali e nazionali in vigore”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da