01122022Headline:

“L’Arbitro” poesia di Alessandro Soli


CIVITA CASTELLANA – Con i versi di oggi concludo le mie poesie dedicate al calcio, celebrando una figura che è da sempre e sempre sarà, parte integrante per poterlo praticare.

Ogni sport, qualunque esso sia, deve essere supportato, per un regolare svolgimento, della sua presenza, ma nel calcio diventa il ventitreesimo protagonista, e che protagonista: l’arbitro.

L’ARBITRO

Se nun ce fossi tu, sarebbe un gran casino:

sai che botte er centravanti cor terzino!

E l’ala destra cor portiere:

appena quello ‘o tocca, vola come ‘n giocoliere.

Parla’, parli poco, più che artro fischi;

e così facenno, cori brutti rischi.

Quanno er guardalinie arza la bandierina,

quello segna e tu nun l’hai veduto,

tutti te strilleno: ‘Arbitro vennuto!’.

Poco te ‘mporta, l’urlo nun te cojje,

t’arabbi solo quanno toccheno tu’ mojje.

Prova ‘n po’ a dà rigore all’ospiti,

quanno er tempo è già scaduto,

te senti piove’ addosso: ‘Arbitro cornuto!’.

Ce penzi ‘n po’, te guardi attorno, te fai ‘na risata:

‘Io so’ sicuro, mi’ mojje me vo’ bene, eppoi c’è abbituata’.

Fischi tre vorte e te senti un po’ reggista,

te che pe’ ‘n’ora e mezza hai fatto l’attore, mò sei protagonista.

Te brilleno l’occhi, perché te renni conno

ch’hai diretto er gioco più bello che c’è ar monno.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da