01122022Headline:

Fallita la ISAL, un pezzo di Made in Tuscia che se ne va.

Prosegue la catena di smontaggio dell'imprenditroria viterbese

Dal Direttore

Viterbo, 6.10.22

molte sono le aziende del nostro territorio che sono state costrette a chiudere, ma quella della ISAL è una chiusura che ci da una stretta al cuore.

Un’azienda salumi, fondata dalla Famiglia Zanobi oltre mezzo secolo fa sulla Cimina, in quota, cioè colà dove la stagionatura dei prosciutti riesce al meglio, un’icona del Made in Italy. Il marchio “Casa Italia” è quello che ha approvvigionato le squadre olimpiche e nazionali nel mondo.

Adesso non c’è più come la sua mitica socia Loretta Zanobbi, figlia del fondatore celebre commerciante di carni,

Passare sulla Cimina, vedere il grande cancello bianco chiuso, nulla all’interno e sapere che venti addetti sono ora disoccupati, stringe il cuore.

Che ne sarà di quel palazzone alle radici del Monte Palanzana ?.

Se ne sopportava la visione perchè si sapeva che li si lavorava e si producevano ghiottonerie. Ma adesso ? Che non resti come quello della adiacente ex Di Marco ?

Ce lo dirà il curatore fallimentare Dr. Siro Giovagnoli. Udienza verifica crediti:25 gennaio 23

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da